dal Mondo

Giovani volontari musulmani ripuliscono la chiesa della Vergine Maria a Mosul ex base dei jihadisti

15.02.2017, 13:56 / Redazione

Una trentina di giovani, appartenenti a un’organizzazione di volontariato civile, in gran parte musulmani – comprese alcune ragazze vestite col velo integrale – hanno pulito a fondo e rimesso in ordine la chiesa caldea dedicata alla Vergine Maria, collocata a Drakziliya, zona di Mosul sulla riva sinistra del fiume Tigri, nella parte della città sottratta alle milizie jihadiste dell’autoproclamato Stato Islamico e tornata sotto il controllo dell’esercito iracheno. La chiesa era stata confiscata e scelta come base logistica dai miliziani del Daesh, ma nel periodo di occupazione jihadista risulta aver subito solo danni minori, contrariamente a quanto indicavano false notizie messe in rete a più riprese negli ultimi anni, che accreditavano la totale distruzione del luogo di culto cristiano tramite esplosivo. I giovani volontari – come mostrano foto pubblicate dal sito web ankawa.com – hanno rimosso i detriti sparsi nella chiesa e ripulito il pavimento, nel quadro dell’opera messa in atto in tutti i quartieri liberati dai jihadisti per cancellare le tracce visibili – comprese scritte, striscioni e murales – che i militanti di Daesh avevano disseminato nei luoghi pubblici e nell’arredo urbano. GV) .

Lavoro minorile: 152 milioni le vittime nel mondo. Chiesa chiede interventi

20.09.2017

La nuova ricerca condotta congiuntamente dall'Organizzazione Internazionale del Lavoro (Oit in spagnolo) e dalla Walk Free Fundation, in collaborazione con l'Organizzazione Mondiale per la Migrazione (Oim), rivela l'ambito reale della schiavitù moderna nel mondo.

Fare missione tra i poveri è riempire stomaci e cuori affamati di Cristo

20.09.2017

Suor Lissy fa parte della Congregazione delle Figlie di San Paolo. Dapprima ha imparato a “fare missione tra i ricchi attraverso i media”. In seguito l’incontro con i poveri pescatori in Kerala. Poi, nel 2008, inizia a seguire mons. Thomas Menamparampil nei villaggi della giungla in Assam. “Il missionario di villaggio riesce ad entrare nell’agonia delle masse che sono come le pecore senza un pastore”.

Aung San Suu Kyi: Il Myanmar non teme inchieste internazionali sui Rohingya

19.09.2017

Nel suo primo discorso pubblico sulla crisi del Rakhine, la leader democratica promette di perseguire “tutte le violazioni ai diritti umani e la violenza fuorilegge” e il ritorno dei fuggitivi. Dal 5 settembre non vi sono conflitti.

famiglia   angelus   strada regina   Ecumenismo   svizzera   gmg   aleppo   migranti   lourdes   pace   isis   egitto   SantaMarta   giovani   udienzagenerale   vaticano   guerra   colombia   ticino   PapaFrancesco   chiesa   misericordia   siria   udienza   Francesco   gdp   trump   Papa   africa   preghiera   islam