dal Mondo

Giovani volontari musulmani ripuliscono la chiesa della Vergine Maria a Mosul ex base dei jihadisti

15.02.2017, 13:56 / Redazione

Una trentina di giovani, appartenenti a un’organizzazione di volontariato civile, in gran parte musulmani – comprese alcune ragazze vestite col velo integrale – hanno pulito a fondo e rimesso in ordine la chiesa caldea dedicata alla Vergine Maria, collocata a Drakziliya, zona di Mosul sulla riva sinistra del fiume Tigri, nella parte della città sottratta alle milizie jihadiste dell’autoproclamato Stato Islamico e tornata sotto il controllo dell’esercito iracheno. La chiesa era stata confiscata e scelta come base logistica dai miliziani del Daesh, ma nel periodo di occupazione jihadista risulta aver subito solo danni minori, contrariamente a quanto indicavano false notizie messe in rete a più riprese negli ultimi anni, che accreditavano la totale distruzione del luogo di culto cristiano tramite esplosivo. I giovani volontari – come mostrano foto pubblicate dal sito web ankawa.com – hanno rimosso i detriti sparsi nella chiesa e ripulito il pavimento, nel quadro dell’opera messa in atto in tutti i quartieri liberati dai jihadisti per cancellare le tracce visibili – comprese scritte, striscioni e murales – che i militanti di Daesh avevano disseminato nei luoghi pubblici e nell’arredo urbano. GV) .

Il 2017, l’anno peggiore per i cristiani in India

22.02.2018

Un gruppo evangelico riporta 351 denunce. Il dato è parziale: le vittime hanno paura di denunciare oppure la polizia rifiuta di registrare i casi. In tre anni aumentati del 28% gli attacchi contro chiese e luoghi di culto privati.

Messa dopo l’attacco in chiesa. La vicinanza dei musulmani

22.02.2018

Quattro persone sono rimaste ferite nell’attentato dello scorso 11 febbraio. Perdonato l’attentatore, il 23enne estremista islamico Suliyono, che aveva attaccato la chiesa armato di spada. Le organizzazioni islamiche Muhammadiyah e GusDurian mostrano solidarietà ai cattolici.

Migranti deportati: arrestati i primi sette eritrei che rifiutano di lasciare Israele

22.02.2018

Due di loro sono sopravvissuti a torture nel Sinai. I profughi del centro detentivo Holot lanciano uno sciopero della fame: "Stanno buttando via le nostre vite". Israele vuole espellere 15-20mila profughi, le prigioni hanno posto solo per 1.000.