dal Mondo

Giovani volontari musulmani ripuliscono la chiesa della Vergine Maria a Mosul ex base dei jihadisti

15.02.2017, 13:56 / Redazione

Una trentina di giovani, appartenenti a un’organizzazione di volontariato civile, in gran parte musulmani – comprese alcune ragazze vestite col velo integrale – hanno pulito a fondo e rimesso in ordine la chiesa caldea dedicata alla Vergine Maria, collocata a Drakziliya, zona di Mosul sulla riva sinistra del fiume Tigri, nella parte della città sottratta alle milizie jihadiste dell’autoproclamato Stato Islamico e tornata sotto il controllo dell’esercito iracheno. La chiesa era stata confiscata e scelta come base logistica dai miliziani del Daesh, ma nel periodo di occupazione jihadista risulta aver subito solo danni minori, contrariamente a quanto indicavano false notizie messe in rete a più riprese negli ultimi anni, che accreditavano la totale distruzione del luogo di culto cristiano tramite esplosivo. I giovani volontari – come mostrano foto pubblicate dal sito web ankawa.com – hanno rimosso i detriti sparsi nella chiesa e ripulito il pavimento, nel quadro dell’opera messa in atto in tutti i quartieri liberati dai jihadisti per cancellare le tracce visibili – comprese scritte, striscioni e murales – che i militanti di Daesh avevano disseminato nei luoghi pubblici e nell’arredo urbano. GV) .

Forum migrazioni e pace: card. Hummes, attenzione ai popoli dell'Amazzonia

24.02.2017

Tra i temi dibattuti al Forum internazionale su migrazioni e pace, in corso a Roma presso la Camera dei Deputati, c’è stato anche quello della difficile questione dei popoli indigeni dell’Amazzonia, costretti spesso a migrare dalla foresta alle città.

Io e l'imam insieme per la pace in Centrafrica

23.02.2017

Il cardinale Nzapalainga e Omar Layama si uniscono per dire “no” ai conflitti a sfondo etnico-religioso che devastano il paese. E si guadagnano l'appellativo di “gemelli di Dio”

Corno d’Africa: diciassette milioni di persone alla fame

22.02.2017

Gli allarmi si sono moltiplicati dopo la recente dichiarazione ufficiale del governo di Juba dello stato di carestia. Le violenze nel 2016 ha ulteriormente ridotto la produzione alimentare, anche in zone in precedenza stabili. E l’inflazione è galoppante.

aleppo   cristiani   fede   chiesa   SantaMarta   misericordia   preghiera   giovani   pace   Francesco   angelus   PapaFrancesco   strada regina   guerra   migranti   udienza   madre teresa   islam   famiglia   vescovo   siria   ticino   gdp   isis   svizzera   gmg   Ecumenismo   giubileo   vaticano   Papa   natale