dal Mondo

Giovani volontari musulmani ripuliscono la chiesa della Vergine Maria a Mosul ex base dei jihadisti

15.02.2017, 13:56 / Redazione

Una trentina di giovani, appartenenti a un’organizzazione di volontariato civile, in gran parte musulmani – comprese alcune ragazze vestite col velo integrale – hanno pulito a fondo e rimesso in ordine la chiesa caldea dedicata alla Vergine Maria, collocata a Drakziliya, zona di Mosul sulla riva sinistra del fiume Tigri, nella parte della città sottratta alle milizie jihadiste dell’autoproclamato Stato Islamico e tornata sotto il controllo dell’esercito iracheno. La chiesa era stata confiscata e scelta come base logistica dai miliziani del Daesh, ma nel periodo di occupazione jihadista risulta aver subito solo danni minori, contrariamente a quanto indicavano false notizie messe in rete a più riprese negli ultimi anni, che accreditavano la totale distruzione del luogo di culto cristiano tramite esplosivo. I giovani volontari – come mostrano foto pubblicate dal sito web ankawa.com – hanno rimosso i detriti sparsi nella chiesa e ripulito il pavimento, nel quadro dell’opera messa in atto in tutti i quartieri liberati dai jihadisti per cancellare le tracce visibili – comprese scritte, striscioni e murales – che i militanti di Daesh avevano disseminato nei luoghi pubblici e nell’arredo urbano. GV) .

L’appello dei vescovi dell’Uganda: “Basta rapimenti e violenze”

20.06.2018

A Roma per la visita ad limina con la Conferenza episcopale, il vescovo di Lira Giuseppe Franzelli spiega il ruolo della Chiesa nel Paese africano tra i più colpiti da crisi politiche e sociali.

Cile: terminata la missione di mons. Scicluna. Aperto un servizio di ascolto con indirizzo mail e numero di telefono

19.06.2018

Un servizio di ascolto per le eventuali vittime di abusi commessi da uomini di Chiesa, con un indirizzo mail, escuchar2018@gmail.com, e un numero di telefono, 9949-50-519, attivi fin da domani mattina.

Colombia, eletto Duque: vescovi, proseguano pace con Farc e dialogo con Eln

19.06.2018

Dopo l’elezione a presidente di Iván Duque, primo commento dei vescovi nell’intervista a mons. Álvarez Botero. Risultati al più presto anche nella lotta alla corruzione