dal Mondo

Giovani volontari musulmani ripuliscono la chiesa della Vergine Maria a Mosul ex base dei jihadisti

15.02.2017, 13:56 / Redazione

Una trentina di giovani, appartenenti a un’organizzazione di volontariato civile, in gran parte musulmani – comprese alcune ragazze vestite col velo integrale – hanno pulito a fondo e rimesso in ordine la chiesa caldea dedicata alla Vergine Maria, collocata a Drakziliya, zona di Mosul sulla riva sinistra del fiume Tigri, nella parte della città sottratta alle milizie jihadiste dell’autoproclamato Stato Islamico e tornata sotto il controllo dell’esercito iracheno. La chiesa era stata confiscata e scelta come base logistica dai miliziani del Daesh, ma nel periodo di occupazione jihadista risulta aver subito solo danni minori, contrariamente a quanto indicavano false notizie messe in rete a più riprese negli ultimi anni, che accreditavano la totale distruzione del luogo di culto cristiano tramite esplosivo. I giovani volontari – come mostrano foto pubblicate dal sito web ankawa.com – hanno rimosso i detriti sparsi nella chiesa e ripulito il pavimento, nel quadro dell’opera messa in atto in tutti i quartieri liberati dai jihadisti per cancellare le tracce visibili – comprese scritte, striscioni e murales – che i militanti di Daesh avevano disseminato nei luoghi pubblici e nell’arredo urbano. GV) .

Alfie. Il Papa: tentare nuove possibilità di trattamento

23.04.2018

Ore drammatiche per la vicenda Alfie. L'Italia concede la cittadinanza al piccolo. La procedura per staccare la spina viene sospesa temporaneamente. Il Papa lancia un nuovo tweet. La Enoc vola a Liverpool ma non viene ricevuta dai sanitari.

Sierra Leone, i giovani mutilati e l’amicizia tra le religioni

23.04.2018

Storie di convivenza tra cristiani e musulmani. Viaggio nel Paese africano dove le vittime della guerra stanno ricominciando a vivere grazie ai giuseppini del Murialdo e ai loro collaboratori.

Asia Bibi, udienza imminente.

21.04.2018

La vicenda della cristiana condannata a morte in Pakistan è nelle mani del magistrato più alto in grado. La settimana prossima l’annuncio della data.