Commento

Gerusalemme, Pizzaballa: “Condanniamo ogni violenza e uso cinico di vite umane”

16.05.2018, 19:00 / redazionecatt

Davanti alla «ennesima esplosione di odio e violenza, che sta insanguinando ancora una volta la Terra Santa», dopo gli scontri di ieri a seguito dell’apertura dell’Ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme che hanno provocato numerosi morti e feriti, il Patriarcato latino prende posizione e condanna duramente «ogni forma di violenza, ogni uso cinico di vite umane e di violenza sproporzionata».

 

In una nota diffusa oggi, l’arcivescovo Pierbattista Pizzaballa, amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme, scrive: «La vita di tanti giovani ancora una volta è stata spenta e centinaia di famiglie piangono sui loro cari, morti o feriti. Ancora una volta, come in una sorta di circolo vizioso, siamo costretti a condannare ogni forma di violenza, ogni uso cinico di vite umane e di violenza sproporzionata. Ancora una volta siamo costretti dalle circostanze a chiedere e gridare per la giustizia e la pace! Questi comunicati di condanna ormai si ripetono, simili ogni volta l’uno all’altro».

 

L’arcivescovo invita tutta la comunità cristiana della diocesi «ad unirsi in preghiera per la Terra Santa, per la pace di tutti i suoi abitanti, per la pace di Gerusalemme, per tutte le vittime di questo interminabile conflitto». L’occasione sarà una veglia per la pace indetta per sabato prossimo 19 maggio, vigilia di Pentecoste, alle 17, nella chiesa di St. Etienne (École Biblique).

 

«Invito inoltre tutta la diocesi – parrocchie, comunità religiose, associazioni e movimenti – in questi giorni di preparazione alla solennità di Pentecoste a dedicare una giornata di preghiera e digiuno per la pace di Gerusalemme e a fare in modo che la liturgia del giorno di Pentecoste sia accompagnata dalla preghiera per la pace», scrive Pizzaballa. E conclude: «Dobbiamo veramente pregare lo Spirito affinché cambi il nostro cuore per meglio comprendere la Sua volontà e darci la forza di continuare ad operare per la giustizia e la pace!».

 

Lo stesso invito l’amministratore apostolico del Patriarcato latino lo ha ripetuto al Tg2000, il telegiornale di Tv2000, durante una intervista in cui ribadisce che: «L’odio e la violenza si possono disinnescare solo con il dialogo. Mi rendo conto che parlare di dialogo in questo momento è qualcosa di lontano dalla situazione reale. Noi come Chiesa abbiamo deciso di fare pochi comunicati perché ormai sono diventati tutti uguali. Basterebbe fare una fotocopia di quelli che abbiamo fatto poco tempo fa».

 

«La giornata di ieri è stata una giornata tristissima», ha aggiunto Pizzaballa. «Purtroppo è l’ennesimo episodio di un lungo percorso di odio e violenza che ha visto la morte di quasi 60 persone e migliaia di feriti. È una situazione anche paradossale perché da una parte si celebrava una grande festa con il trasferimento dell’ambasciata Usa e dall’altra parte la tragedia e il massacro. È una fotografia che dice bene della situazione paradossale e drammatica di enorme lontananza e distanza che c’è in questo terribile e interminabile conflitto».

 

«Il dialogo tra israeliani e palestinesi – ha concluso il presule – già da molto tempo non c’era. La mancanza di dialogo, la sfiducia profonda che si è creata tra le due parti, l’odio e il rancore sono sfociati nell’ennesimo episodio di violenza che purtroppo temo non sia finita».

VaticanInsider

Card. Kasper, “la maggioranza dei cristiani, che è con il Santo Padre, non deve stare zitta”

17.10.2018

"Si può ovviamente non essere d’accordo. Ma il Papa è il simbolo dell’unità e ha un’autorità non soltanto nella Chiesa; è un’autorità morale nel mondo".

(EPA/MICHAEL REYNOLDS)

“Il Papa in Corea del Nord sarebbe un passo gigantesco per la pace”

13.10.2018

Il vescovo sudcoreano Lazzaro You Heung-sik parla della prossima udienza tra Francesco e il presidente Moon che dovrebbe portargli l’invito a Pyongyang di Kim Jong-un.

Verso la canonizzazione di Paolo VI: Bergoglio e Montini

08.10.2018

Mancano pochi giorni e papa Paolo VI sarà proclamato Santo. Ripercorriamo in questo commento ripreso dall'Osservatore romano quei temi e quello stile del pontificato montiniano che si potrebbero rileggere nel papato di Bergoglio.