dal Mondo

Gaza passerà sotto il controllo dell’Autorità palestinese entro il 1 dicembre

13.10.2017, 12:20 / redazionecatt

Il Cairo (AsiaNews/Agenzie) – L’Autorità palestinese (Anp) prenderà il completo controllo della Striscia di Gaza entro il 1 dicembre. È quanto deciso quest’oggi dai rappresentanti delle autorità palestinesi Fatah e Hamas, Azzam al-Ahmad e Salah al-Aruri, al Cairo per la firma dell’accordo di riconciliazione che pone fine a una divisione durata 10 anni. Gli intensi negoziati si sono tenuti nella capitale egiziana per due giorni con il patrocinio del Paese ospite, principale promotore della riunificazione.

All’accordo dovrebbe seguire l’annullamento delle misure punitive dell’Anp nei confronti di Hamas, in particolare il taglio dell’approvvigionamento elettrico, grave causa di disagio per la popolazione.

I punti principali affrontati nei negoziati sono stati la gestione della frontiera con l’Egitto di Rafah e la sicurezza all’interno della Striscia, per cui si prevede l’invio di 3mila poliziotti dell’Autorità palestinese. Per quanto riguarda il valico di Rafah, la sua gestione passerà in mano alle guardie presidenziali dell’Anp entro il 1 novembre.

Altre questioni, in particolare il futuro dell’ala militare di Hamas,  Ezzedine al-Qassam, saranno concordati nei prossimi giorni. Si prevede per il 21 novembre un altro ciclo di trattative al Cairo, a cui parteciperanno tutte le fazioni palestinesi.

Mahmoud Abbas, presidente dell’Anp, ha dichiarato “definitivo” l’accordo che pone fine alla  divisione palestinese. Abbas dovrebbe visitare Gaza nell’arco del prossimo mese.

Le tensioni fra le due entità duravano sin dalle elezioni del 2007, quando Hamas ha cacciato i rappresentanti di Fatah dalla Striscia. Questa separazione è stata spesso citata come motivo per ritardare le elezioni presidenziali dell’Autorità palestinese sin dal 2009.

AsiaNews

Yangon, la gratitudine dei vescovi per ‘i tre doni’ di papa Francesco

18.10.2017

Celebrata una solenne messa di ringraziamento presso la cattedrale dell’Immacolata Concezione. il card. Charles Maung Bo: “È un momento storico per tutti noi e per la Chiesa in Myanmar”. Il nuovo nunzio mons. Paul Tschang In-Nam invita i cattolici a lavorare per la pace e la riconciliazione nazionale.

Raqqa libera dall'Is dopo mesi di violenze e distruzione totale

18.10.2017

E’ ufficiale ormai la notizia circolata sin dalle prime ore di ieri: la città di Raqqa nel nordest della Siria, roccaforte dell'organizzazione del sedicente  Stato islamico, è stata interamente riconquistata dalle Forze democratiche della Siria (Fds), coalizione curdo-araba appoggiata dalla Coalizione internazionale a guida statunitense.

FIlippine. Le contromisure di Tagle

18.10.2017

Circa 300 militari e poliziotti hanno già partecipato ai corsi di formazione promossi dall’arcidiocesi di Manila per contrastare la “guerra alla droga” portata avanti nelle Filippine dal presidente Rodrigo Duterte, che ha prodotto finora migliaia di vittime di esecuzioni extragiudiziali.

famiglia   colombia   gmg   PapaFrancesco   migranti   isis   guerra   preghiera   angelus   islam   chiesa   strada regina   misericordia   Francesco   egitto   aleppo   africa   pace   vescovi   vaticano   giovani   Ecumenismo   gdp   siria   cristiani   udienza   diocesi   svizzera   SantaMarta   Papa   missione