santa marta

Francesco: Gesù ci insegna ad essere 'invadenti' nella preghiera

11.10.2018, 11:17 / redazionecatt

 

E’ il brano del Vangelo di oggi al centro dell’omelia di Papa Francesco alla Messa di questa mattina a Casa Santa Marta. E il tema che affronta è quello della preghiera, di come noi dobbiamo pregare. Gesù racconta infatti ai suoi discepoli di un uomo che, a mezzanotte, bussa alla casa di un suo amico per chiedergli qualcosa da mangiare. E l’amico risponde che non è il momento opportuno, che è già a letto, ma poi si alza e gli dà quello che chiede.

Pregare con coraggio e senza stancarsi

Papa Francesco sottolinea tre elementi: un uomo nel bisogno, un amico, un po’ di pane. E’ una visita a sorpresa quella dell’amico bisognoso e la sua è una richiesta insistente perché ha fiducia nell’amico che ha ciò che gli serve. Prega con “invadenza” e in questo modo, dice Francesco, il Signore ci vuole insegnare come si prega:

Si prega con coraggio, perché quando preghiamo abbiamo un bisogno, normalmente, un bisogno. Un amico è Dio: è un amico ricco che ha del pane, ha quello del quale noi abbiamo bisogno. Come se Gesù dicesse: “Nella preghiera siate invadenti. Non stancatevi”. Ma non stancatevi di che? Di chiedere. ‘Chiedete e vi sarà dato’.

Continua a leggere.

Papa: come i martiri, lasciamoci consolare da Dio

11.12.2018

Alla Messa a Casa Santa Marta, il Papa parla della consolazione e fa riferimento ai martiri di oggi, come i copti uccisi sulla spiaggia della Libia. La consolazione - esorta - deve essere lo stato abituale del cristiano. Oggi però il mondo cancella, di fatto, dal dizionario la parola tenerezza.

Papa: cercare la pace nell'anima, in famiglia, nel mondo, senza sparlare o ferire

04.12.2018

Il tempo di Avvento è un tempo per costruire la pace nella propria anima, nella famiglia e nel mondo, senza cercare qualche scusa per fare la guerra. Lo ricorda stamani Francesco nell'omelia della Messa a Casa Santa Marta

Papa: saggio pensare alla fine, sarà un incontro di misericordia con Dio

27.11.2018

Papa Francesco parla della nostra fine e della fine del mondo, la "mietitura” del Libro dell’Apocalisse. “Come sarà la mia fine? Come vorrei che il Signore mi trovasse quando mi chiamerà?”. Pensare a questo è saggio e ci aiuta ad andare avanti, fino all’incontro con Dio, un rendiconto ma anche un momento “di gioia”.