Papa e Vaticano

Francesco: «Dio ha progetti di pace per il Libano»

Adriana Masotti – VATICAN NEWS

Circondato dai microfoni, mentre la vita di Beirut scorre attorno, il cardinale Pietro Parolin presta la voce a papa Francesco per parlare al popolo libanese. Un breve messaggio, che il Papa gli ha chiesto di amplificare durante la giornata dedicata alla preghiera e al digiuno per il Libano, nel quale si avverte l’amore di Francesco e ancora prima l’amore e la predilezione di Dio per questo Paese che ancora una volta affronta un momento difficile della sua storia.

Il messaggio di Papa Francesco

«Io infatti conosco i progetti che ho fatto a vostro riguardo – dice il Signore – progetti di pace e non di sventura per concedervi un futuro pieno di speranza». Inizia da questa citazione tratta dal profeta Geremia il testo scritto dal Papa per questa occasione. L’attualità e le vicende vissute in passato dal popolo libanese sembrano contraddire questa promessa. Ma Francesco esorta a fidarsi della fedeltà di Dio. »Signore, crediamo che vigili sulla tua Parola, per realizzarla – scrive Papa Francesco -, e vi speriamo, contro ogni speranza o disgrazia».

L’affidamento del Paese a Dio per un futuro di pace

Il messaggio si fa preghiera, di ringraziamento e di richiesta: «Ti ringraziamo per il tuo amore che si è espresso tramite la solidarietà di molti. Ti affidiamo il nostro Paese, il Libano, con il suo popolo, le sue guide religiose e politiche ed i suoi giovani, che realizzi la sua vocazione di messaggio di pace e di fraternità alla quale lo hai chiamato. Amen».

La visita di Parolin alla chiesa maronita di San Giorgio

Il segretario di Stato è arrivato a Beirut ieri e nel corso della giornata ha visitato la chiesa maronita di San Giorgio devastata il 4 agosto scorso dall’esplosione al porto. Qui ha incontrato i leader religiosi della città per commemorare insieme la tragedia. «Vengo nella vostra storica città – ha detto il cardinale Parolin – per esprimere la vicinanza della Chiesa cattolica in tutto il mondo». «Stando al vostro fianco, troviamo il coraggio di gridare insieme: «basta». La nostra sofferenza – ha proseguito – può aiutarci a purificare le nostre intenzioni e rafforzare la nostra determinazione a vivere insieme in pace e dignità, a cercare una governance migliore che favorisca la responsabilità, la trasparenza e la responsabilizzazione. Insieme possiamo sconfiggere la violenza e tutte le forme di autoritarismo, promovendo una cittadinanza inclusiva basata sul rispetto dei diritti e dei doveri fondamentali».

SUL SITO VATICANNEWS LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO E ASCOLTA IL MESSAGGIO DI PAPA FRANCESCO LETTO DAL CARDINALE PAROLIN

4 Settembre 2020 | 16:00
beirut (10), libano (45), papa francesco (124), parolin (42)
Condividere questo articolo!