Diocesi

La famiglia cristiana testimone missionaria dell’umile speranza del Vangelo

21.01.2019, 11:40 / RedCattFA

La Pastorale familiare ha cominciata sabato mattina, 19 gennaio, a Lucino il suo cammino di catechesi per il 2019. Ospite del primo incontro il Vescovo Valerio Lazzeri, che nella sua riflessione ha più volte sottolineato alle numerose coppie presenti l’importante compito di testimonianza missionaria che la famiglia ha nella società moderna.

«Come in cielo così in terra. La famiglia cristiana testimone missionaria dell’umile speranza del Vangelo». È il tema della lezione/meditazione che il Vescovo Valerio ha tenuto a una quarantina di famiglie nel Collegio diocesano di Lucino. L’incontro di sabato è uno dei tanti passaggi formativi per le famiglie della Diocesi, che seguono la Pastorale familiare diocesana. Il Vescovo ha anticipato, così, il contenuto della sua prossima lettera pastorale, che sarà offerta a tutta la Diocesi per l’inizio della Quaresima. Ha preso spunto dalla lettura dell’Antico Testamento, precisamente dal secondo Libro dei Re, dove si narra delle gesta del profeta Eliseo e di Naamàn, generale del re di Aram, affetto da lebbra. In una profonda analisi dei personaggi in gioco nel racconto e delle variegate dinamiche psicologiche di dubbio, resistenza e affidamento di fronte all’ordine del profeta da eseguirsi per avere la guarigione, il Vescovo ha elaborato il modo con cui noi stessi ci poniamo nelle diverse situazioni esistenziali: dubbio, scoraggiamento, fiducia. La famiglia è proprio il luogo privilegiato in cui il nostro profondo sentire, incontrando l’altro s’imbatte, combatte e si rialza, procedendo nel cammino della vita. E Dio lo si incontra non disertando il luogo vitale del nostro esistere quotidiano, ma facendo di esso il luogo dell’incontro con Lui.  Ma come è possibile questo incontro con il Dio della vita senza che la preghiera, come dimensione normale e quotidiana del nostro esistere, divenga l’humus, la terra feconda del dialogo con Lui? Allora, anche le situazioni più difficili possono diventare, come lo fu per Gesù, il luogo in cui imparare l’obbedienza come fiducia nel totale abbandono al Padre. Diversamente da questo atteggiamento, è difficile sentire la vita come esperienza di lieta e coraggiosa speranza. La lezione è terminata con l’incontro del Vescovo Valerio con una ventina di piccoli, che nel frattempo hanno avuto la possibilità di giocare e pitturare in uno dei saloni del Collegio.

Sul sito della Pastorale familiare è possibile riascoltare l’incontro, qui sotto è disponibile il video integrale. Inoltre è possibile scaricare il volantino con tutti i prossimi appuntamenti di pastorale familiare per l’anno 2019

 

La risurrezione, dipinto di Andrea Mantegna, datato 1457-1459 e conservato nel Musée des Beaux-Arts di Tours.

Il vescovo di Lugano a Pasqua: "L'amore del Signore è più forte della morte"

21.04.2019

"Non è possibile proclamare che Cristo è risorto dai morti, senza cominciare noi a risorgere con Lui, senza che in noi sia inaugurato un processo di riorientamento di tutta la nostra persona, dei nostri desideri, dei nostri progetti, dei nostri affetti" ha detto mons. Lazzeri alla Messa di Pasqua in Cattedrale, mentre la sera prima, alla veglia ha affermato che Cristo viene sempre a rivisitarci. La preghiera del vescovo di Lugano per le persone malate e i cristiani che soffrono nel mondo.

Il vescovo Lazzeri alla via Crucis per le vie di Lugano: "Scopriamoci ospitati dalla sua croce"

20.04.2019

Ieri sera da Besso a Santa Maria degli Angioli centinaia di fedeli guidati dal vescovo di Lugano hanno camminato e meditato la via dolorosa di Cristo. Un percorso intenso e prezioso, per i testi presentati (di Anton Čechov, François Mauriac, Luigi Santucci, Mario Luzzi, Olivier Clement), per la lettura di brani di Vangelo riferiti alla Passione e passaggi di Encicliche papali.

Il vescovo di Lugano: "Noi preti siamo chiamati a chinarci sulle ferite della gente"

18.04.2019

Nella Messa crismale con tutti i preti della Diocesi mons. Lazzeri ha benedetto l’olio degli infermi, l’olio dei catecumeni (per il battesimo) e il crisma (per battesimo, cresima, ordinazioni presbiterali e episcopali, consacrazione di chiese ed altari). Ricordati particolari anniversari di ordinazione sacerdotale tra i quali il 60esimo del vescovo emerito Grampa e il 30esimo dello stesso mons. Lazzeri.