Ticino

È scomparso lo scorso venerdì don Michele Giannarelli. Fu presbitero in valle di Blenio e a Chiasso

E’ deceduto nella giornata di venerdì 14 febbraio a Reggio Emilia il presbitero Michele Giannarelli che aveva servito, con dedizione e generosità, la Chiesa che è a Lugano per diversi anni.

Nato il 23 marzo 1933 a Fivizzano, provincia di Massa Carrara (Italia), era entrato in giovane età nell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini, con appartenenza alla Provincia di Parma, nei cui Seminari compiva gli studi teologici e la formazione agli Ordini Sacri. Riceveva l’ordinazione presbiterale il 29 giugno 1960 a Reggio Emilia. Dapprima vice parroco a Roma, fu in seguito vicerettore e docente in Seminario, quindi superiore a Salsomaggiore e infine parroco e assistente Scout. Nello svolgimento del suo ministero poteva avvalersi anche della sua formazione in sociologia pastorale, ricevuta alla Pontificia Università Lateranense a Roma.

Nel settembre 1982 entrava al servizio della Diocesi di Lugano, assumendo la cura pastorale di Ponto Valentino, Marolta, Castro, Prugiasco e Largario e per alcuni periodi anche di Aquila, Torre e Lottigna. Nel 1985 gli veniva affidata la parrocchia di Olivone con Campo Blenio e Ghirone, mentre nel febbraio 1994 era inviato a Chiasso, quale parroco-arciprete, estendendo in seguito il suo impegno pastorale alla comunità di Pedrinate con Seseglio. Nel 1997 riceveva l’incardinazione nella Diocesi di Lugano, che lasciava per motivi di salute nel 2001, trasferendosi nella Diocesi di Piacenza.

I funerali sono stati celebrati lunedì 17 febbraio 2020 a Bacedasco Alto (Piacenza), dove Don Michele è stato sepolto.

Lascia il ricordo di un presbitero semplice, disponibile e generoso, come il servitore buono e fedele della parabola evangelica.

Gianni Ballabio

19 Febbraio 2020 | 13:31
lutto (9)
Condividere questo articolo!