Ticino

Don Vitalini a Lourdes sempre accanto ai malati

Pubblichiamo il commosso ricordo di don Sandro Vitalini scritto da Ivo Pellegrini, già responsabile dell’Ospitalità diocesana ticinese a Lourdes.

«Caro Don Sandro, ci mancherai. Non avremo più la possibilità di ascoltare le tue belle ed esortanti riflessioni che in occasione dei nostri annuali incontri di preparazione al
pellegrinaggio a Lourdes ci esponevi per presentarci il tema del pellegrinaggio o per spronarci nel servizio di volontariato, a favore dei malati. Non mancavi mai di farci presente che la partecipazione dei sofferenti al nostro pellegrinaggio diocesano era una componente importante, che i malati erano la perla del pellegrinaggio. Con queste parole hai dato forza, vigore e coraggio a tante persone (infermiere, brancardiers, medici, scout) che – anno dopo anno – hanno accolto il tuo invito a seguire le parole che Gesù ci ha lasciato come memoriale. Sono stati tanti i giovani, che negli anni, hanno ascoltato questo tuo richiamo e si sono messi a disposizione per fare un’esperienza di Chiesa viva e di amicizia, come una grande famiglia.
Durante il pellegrinaggio passavi sempre all’Accueil Notre Dame per lasciare una parola di conforto ai malati. Mi ricordo un aneddoto quando in occasione della celebrazione della Santa Eucaristia, hai dovuto annunciare ai presenti il decesso di un famigliare in Ticino. Hai detto: «Vorrei essere io a incontrare quel Dio che tanto ci ama e ci aspetta». Ora hai raggiunto la tua meta, il tuo desiderio. La Vergine di Lourdes che tanto hai pregato e hai fatto pregare ora ti avrà già accolto a braccia aperte. Ricordati di noi malati e
personale dell’Ospitalità Diocesana che ancora siamo in «pellegrinaggio», nell’attesa di incontrarci un giorno riuniti nella gioia e nella felicità. Ciao, caro Don Sandro!».

Ivo Pellegrini, già responsabile Ospitalità Ticinese a Lourdes

Foto d'archivio: don Sandro, anni fa, a Lourdes.
7 Maggio 2020 | 08:27
Condividere questo articolo!