Svizzera

Diocesi di Losanna, Ginevra e Friborgo: agenti pastorali chiamati a firmare la «Carta contro gli abusi sessuali»

Come riporta cath.ch, tutti gli agenti pastorali della Diocesi di Losanna, Ginevra e Friborgo saranno tenuti a firmare la «Carta contro gli abusi sessuali» pubblicata dalla Diocesi all’inizio del 2019. La misura rientra nella politica di tolleranza zero applicata dalla Diocesi nei confronti della questione abusi.

«Rispetto e proteggo l’integrità spirituale, psichica, corporale e sessuale di ogni persona e non tollero abusi di nessun genere». Questo è il primo punto della dichiarazione che ciascun operatore pastorale deve fare nei confronti della Chiesa locale. Il Documento ha per scopo quello di rafforzare la coscienza delle proprie responsabilità, dichiara Laure-Christine Grandjean, portaparola della Diocesi di Losanna, Ginevra e Friborgo.

Chi sottoscrive la Carta si impegna ugualmente a informare il Vicariato in caso osservi o sospetti di un abuso e a seguire i corsi di prevenzione organizzati dalla Diocesi.

Piano globale di prevenzione

La carta è disponibile da poco in francese e tedesco sul sito della Diocesi.

Nell’introduzione, il documento ricorda la politica della Diocesi di «tolleranza zero nei confronti di qualsiasi atto che attenta all’integrità sessuale commesso da persone al suo servizio». La Diocesi ricorda altresì l’obbligo di denunciare questi fatti qualora si verificassero. Insiste ugualmente sulla prevenzione, menzionando dei possibili «segni di allerta». 

La Carta spiega anche le disposizione concernenti il ricorso alla giustizia e agli aiuti esterni alla Chiesa. Esorta gli agenti pastorali alla responsabilità, auspicando che siano in grado di comunicare con i loro superiori in modo onesto quando non ce la fanno più a stare al passo con il compito loro assegnato. 

La Carta completa un piano globale di prevenzione elaborato da qualche anno dalla Diocesi.  Uno schema ben preciso permette alle persone implicate in un caso di abuso di sapere come agire.  Tutte le persone che desiderano lavorare per l’istituzione ecclesiastica devono inoltre presentare il loro casellario giudiziario. 

L’aiuto esterno

L’iniziativa di elaborare una simile Carta ha preso avvio cinque anni fa, in un contesto di crisi, spiega Laure-Christine Grandjean, che si è occupata di redigerla anche con l’aiuto di specialisti esterni. Per questo lavoro si è basata su diverse fonti, tra cui dei documenti simili prodotti dalle Chiese riformate. 

Intanto, alcune firme sono già pervenute alla Diocesi.

Cath.ch/red

15 Febbraio 2019 | 15:09
abusi (147), chiesa (483), friborgo (7), Ginevra (29), losanna (3)
Condividere questo articolo!