Internazionale

Diocesi di Colonia: presentato rapporto sugli abusi. Si parla di quasi 400 vittime

243 molestatori e 386 vittime. Sono i numeri emersi dall’indagine indipendente condotta da uno studio legale di Monaco, in Germania, sullo scandalo di abusi sessuali denunciati nella più grande arcidiocesi cattolica della Germania, quella di  Colonia, avvenuti tra il 1946 e il 2018.

Nel rapporto pubblicato oggi si legge che circa il 55 per cento degli abusi riguardava bambini di età inferiore ai 14 anni e circa la metà  erano violenze sessuali. Il resto dei casi aveva a che fare con abusi verbali o fisici. Quasi due terzi degli abusi sono stati compiuti da  esponenti del clero, mentre il resto da laici, si legge del rapporto che segnala un chiaro aumento degli abusi tra il 2004 e il 2018.
Il rapporto, di oltre 800 pagine, era stato commissionato  dall’arcivescovo di Colonia, Rainer Maria Woelki. Nel documento  vengono citati l’attuale arcivescovo di Amburgo Stefan Hesse, che ha lavorato a Bonn, vicino Colonia, negli anni ’90, e Joachim Meisner, morto nel 2017 e predecessore di Woelki come arcivescovo di Colonia, accusati di molteplici violazioni dei doveri. «Mi vergogno profondamente» ha detto il cardinale di Colonia Rainer Maria Woelki, in conferenza stampa, condannando «l’occultamento» dei fatti, avvenuto in passato, relativo agli abusi sessuali nell’arcivescovado di Colonia. «Le azioni devono avere conseguenze anche per gli appartenenti al clero», ha affermato.  

18 Marzo 2021 | 14:52
Condividere questo articolo!