Commento

Dio si è "vendicato" della morte/catt.ch/gdp

02.11.2017, 18:00 / redazionecatt

Nel mondo ebraico antico, c’era una persona che interveniva a favore dei suoi familiari, quando essi avevano subito un’ingiustizia, oppure erano stati feriti o uccisi. Nel caso di omicidio, ad esempio, il congiunto più vicino doveva “vendicare” il sangue del parente morto, assicurare la discendenza alla moglie e riscattare i suoi beni. Si trattava del “go’el”. Anche il libro Giobbe si serve di questo termine per parlare di Dio che interverrà a suo favore. Giobbe è oramai ridotto a pelle e ossa. Sente vicina la sua fine e invoca il suo “redentore” o “vendicatore” che lo difenderà prima della morte. Lo vedrà lui stesso. «Io so che il mio vendicatore è vivo e che, ultimo, si ergerà sulla polvere» (Gb. 19,25).

Continua a leggere su Giornale del Popolo.

Caracas, capitale del Venezuela

Marzio Fattorini, missionario laico ticinese: "Il popolo venezuelano spera ancora"

16.07.2019

Marzio Fattorini, in missione in Venezuela da 17 anni per la Diocesi di Lugano, a fianco di don Angelo Treccani, ci conferma la gravità della situazione nel paese latinoamericano.

Rapporto Onu sulla fame nel mondo. Santa Sede: fare di più e crescere in solidarietà

16.07.2019

Nel 2018 oltre 820 milioni di persone non hanno avuto cibo a sufficienza: lo rivela l’ultimo rapporto Onu sullo stato della sicurezza alimentare e della nutrizione nel mondo. Con noi mons. Fernando Chica Arellano, Osservatore permanete presso le organizzazioni e gli organismi delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura.

Commento al Vangelo della XV Domenica del Tempo ordinario

14.07.2019

Don Simone Bernasconi e MAdre SOfia Cichetti, Abadessa del monastero benedettino di Claro, commentano per noi i Vangeli del calnedario romano e ambrosiano di questa domenica.