I tre giovani mentre fanno servizio ad un tavolo dei malati.
Diocesi
I tre giovani mentre fanno servizio ad un tavolo dei malati.

Diario da Lourdes/L'esperienza di alcuni dei volontari più giovani

23.08.2018, 06:00 / redazionecatt

In queste ore l’esperienza dei giovani volontari radunati a Lourdes grazie all’Opera diocesana pellegrinaggi della Diocesi di Lugano va intensificandosi; il loro lavoro a fianco dei malati, entrato nel vivo in questi giorni, si sta rivelando una vera sorpresa, soprattutto per chi è al suo primo pellegrinaggio.

Nicolas Calatti, di Morbio Inferiore, 18 anni dice di trovarsi molto bene anche per la conformità dell’esperienza alla sua formazione: “Mi sto formando nel campo sociosanitario; i consigli e i suggerimenti che raccolgo qui mi potranno essere utili anche a casa, sul mio posto di lavoro. Non mi aspettavo niente del genere: abbiamo anche orari molto stancanti, ma anche solo con quattro ore di sonno siamo in grado di lavorare molto. Mi stupisce anche l’età dei pellegrini malati, molti di loro giovani. È notevole il loro sforzo di essere sempre allegri, conforme alla nostra volontà di non far pesare loro la malattia”

Luca Rodrigues, 19 anni, di Rancate invece racconta: “Mi vengono in mente due aggettivi per descrivere questa esperienza: stancante e gratificante. Impiego molte energie durante il giorno ma vengo largamente ripagato. È un ambiente meraviglioso anche a livello di piccole cose, minimi gesti per il clima di famiglia. Capita di salutarci per strada, tra volontari, senza conoscerci; è un gruppo molto bello, in cui vige una sola regola: sorridere. Inoltre, quando i malati ti chiamano per nome e si interessano a te, ti commuovi. Sono stato invitato qui da don Marco, frequentando il suo oratorio, a Balerna. Mi sono detto Perché no? In fondo, volevo venire da tanto a Lourdes e anche fare un’esperienza di volontariato, quindi ho unito le due cose. Prima della partenza non ci pensavo, ma ora l’esperienza si sta trasformando dentro di me in una ricca riflessione.

È d’accordo anche Giovanni Lardelli, di Balerna, 18 anni: “È un ambiente che abbraccia e avvolge la stanchezza, quando arriva. I malati, con la loro naturalezza, mi fanno sentire bene. È un approccio che non mi aspettavo. All’inizio avevo anche molti dubbi e molta paura. Ora invece è tutto molto semplice, automatico, spontaneo. Sono venuto qui osservando la gioia che avevano di venire, in passato, i miei famigliari, tra cui i miei 4 fratelli”.

Daniele, invece, è seminarista di Locarno ed è a Lourdes con l’intero seminario diocesano: “Sto vivendo questi giorni in modo molto intenso, a partire dalle varie liturgie e dai momenti di preghiera che richiedono una nostra partecipazione attiva. Inoltre, per noi seminaristi, è un’occasione preziosissima di conoscere la Diocesi nella quale in futuro saremo chiamati a servire, la sua gente e le loro storie di vita. Mi sta guidando, in questi giorni, un pensiero che ho sentito nel Rosario di ieri, ovvero: “Se preghiamo bene, forse non avremo una visione come Bernardette, ma la Madonna la sentiremo”. Ed è davvero così! Pregando assieme si sperimenta fortemente anche la dimensione dell’unità: da molti diventiamo uno. È questo che ci porteremo a casa”. Dai malati cosa impari? “Imparo la voglia di ad andare oltre la malattia, ad avere uno sguardo che si posa più in là. Qui i malati sono felicissimi, liberi ed amati. E così dovrebbe essere sempre, anche a casa loro. La persona va guardata non per la sua malattia, ma come immagine di Dio”.

(lq)

Il santuario di Santa Maria dei Miracoli a Morbio Inferiore

Morbio Inferiore: Gli appuntamenti per la festa di Santa Maria dei Miracoli

20.07.2019

«Una maratona spirituale»: così ha definito don Simone Bernasconi, rettore del Santuario di Morbio Inferiore, la festa di Santa Maria dei Miracoli che culminerà con le celebrazioni di lunedì 29 luglio, ma che inizia già oggi con la Novena di preparazione.

Giovani ticinesi in cammino verso Santiago per aiutare i bambini libanesi

19.07.2019

Dieci giovani ticinesi martedì inizieranno a piedi il famoso pellegrinaggio verso Santiago di Compostela, partendo da Porto, in Portogallo, e percorrendo ben 230 chilometri. Cammineranno per promuovere un'iniziativa a favore di bambini disabili e poveri ospiti di case di religiose ai confini tra Libano e Sira. Ma anche noi, da casa, potremo sostenere l'iniziativa «Ogni km vale».

Da sin.: Mario Branda, sindaco, Fausto Riva, presidente consiglio parrocchiale, don Regazzi e Christian Paglia, municipale riuniti per l’inaugurazione della nuova illuminazione della Collegiata il 26. 2.2018 (CdT)

I 50 anni di sacerdozio di don Pierangelo Regazzi: «Grazie a lui la Collegiata è diventata la casa di tutti»

13.07.2019

50 anni di sacerdozio, di cui 13 anni a Bellinzona. I ricordi, per don Pierangelo Regazzi, sono davvero tanti: dai molteplici pellegrinaggi – uno o due all’anno – organizzati con i parrocchiani di Bellinzona e di altre parrocchie precedenti, tra cui uno degli ultimi in Armenia, agli sforzi per portare avanti il discorso ecumenico, fino a quelli, molto più remoti nel tempo, dei primi anni da sacerdote a Locarno.