dal Mondo

Dalla Bosnia, il grido del Card. Puljic: c’è un esodo nascosto dei cristiani

07.11.2018, 06:30 / RedCattFA

I cristiani vanno via dalla Bosnia, dove vivono una persecuzione silenziosa e dove vedono la situazione incerta. E il Cardinale Vinko Puljic, arcivescovo di Sarajevo, non manca di denunciare la situazione, a margine della Plenaria del Consiglio delle Conferenze Episcopali Europee che si è tenuto a Poznan dal 13 al 16 settembre.

Eminenza, più volte lei ha denunciato la presenza di un esodo nascosto dei cristiani dalla Bosnia. Da cosa deriva questo problema?

È un problema che arriva perché siamo una minoranza. L’accordo di Dayton (siglato nel 1995, che concluse la guerra nella ex Jugoslavia, ndr) non dà uguaglianza per tutti i cittadini della Bosnia Erzegovina. I mass media sono duri, e molti giovani vanno via perché si stancano di un clima in cui c’è pressione da tutte le parti, sia da parte serba che da parte croata. I politici, d’altro canto, non lavorano per tutti. Quelli che sono eletti lavorano solo per i loro elettori.

Cosa dovrebbe essere fatto?

Bisogna creare uno Stato dove i politici eletti lavorino per tutti i cittadini, ma soprattutto creare una uguaglianza a livello giuridico. Una uguaglianza basata sui diritti umani, che permetta di custodire l’identità nazionale e culturale della nazione, e faccia rispettare la libertà religiosa.

Come vivono i cattolici in questa situazione?

Il nostro popolo cattolico ha un grande problema. Noi facciamo quello che è possibile, a livello caritativo, a livello pastorale e anche pratico. Le nostre scuole cattoliche, di altissimo livello, non sono lo per cattolici: tutti possono iscriversi. E lavoriamo su molti progetti, con i giovani, con le famiglie.

Quali sono i problemi?

Abbiamo ancora un problema con il governo per la restituzione delle proprietà della Chiesa. È difficile avere la restituzione dopo la nazionalizzazione.

La visita del Papa del giugno 2015 non ha cambiato un po’ la situazione?

Durante la visita di Papa Francesco c’era un bel clima. Tre anni dopo, tuttavia, posso dire che niente è davvero cambiato a livello pratico.

(AciStampa)

Leader musulmani ribadiscono l’adesione al Documento sulla Fratellanza

18.07.2019

A quasi sei mesi dalla firma ad Abu Dhabi del Documento sulla Fratellanza Umana, sottoscritto da Papa Francesco e dal Grande Imam di Al-Azhar Ahmad Al-Tayyeb, 22 leader e intellettuali musulmani sunniti, sciiti e sufi hanno firmato un testo di 15 pagine per ribadire il loro sostegno al Documento.

L'estate dei ragazzi haitiani gemellati al Ticino

17.07.2019

La Conferenza Missionaria della Svizzera Italiana (CMSI) sostiene attraverso dei padrinati dal Ticino la la scuola Saint Joseph a L’Asile nella circoscrizione di Anse-à-Veau nel dipartimento di Nippes nell'isola caraibica. In questi giorni i ragazzi del luogo possono usufruire di una colonia estiva dove svolgere diverse attività e soprattutto ricevere un pasto sostanzioso. Nel sito catt alcune informazioni per poter sostenere questo progetto.

Australia: la celebrazione della Domenica degli aborigeni

15.07.2019

"Dal caos delle grandi città alla tranquillità delle comunità più remote, cattolici e indigeni si sono seduti fianco a fianco, in segno di unità”. E’ quanto ha dichiarato all’Agenzia Fides il direttivo del National Aboriginal and Torres Strait Islander Catholic Council (Natcicc), il Consiglio dei cattolici australiani in rappresentanza delle popolazioni native, in merito allo svolgimento della giornata loro dedicata, celebrata in tutta la nazione il 7 luglio scorso.