Svizzera

Cure palliative: una giornata nazionale ecumenica

14.09.2018, 11:20 / redazionecatt

80 esperti e responsabili protestanti e cattolici si sono riuniti il 12 settembre a Zurigo per una giornata nazionale ecumenica sul tema delle cure palliative, intitolata “Communautés de soins: les soins palliatifs dans les paroisses”. Essi hanno sottolineato quanto sia importante che anche le Chiese adempiano al loro compito di accompagnamento delle persone in fin di vita o gravemente malate.

Curare l’anima e curare il corpo

La popolazione diventa sempre di più anziana e vive più a lungo al proprio domicilio, con tutte le difficoltà che questo implica. Diventa quindi urgente organizzarsi affinché si formi una rete di volontari che vi facciano fronte e una copertura socio-politica adeguata.

L’accompagnamento pastorale delle persone malate o in fin di vita non è un’evidenza nemmeno per la Chiesa. Sono necessarie nuove risposte, anche in quei luoghi dove l’assistenza della Chiesa sembra scontato”, ha dichiarato Esther Gaillard, vice-presidente del Consiglio della Federazione delle Chiese protestanti della Svizzera (FEPS) nelle sue parole di benvenuto. La giornata di studio è stata organizzata in collaborazione con la Conferenza dei Vescovi Svizzeri. 

La collaborazione tra le parrocchie e gli enti che si occupano di cure palliative non è ancora ovvia, stimano gli organizzatori del colloquio. Eppure, “gli ospizi di ispirazione cristiana hanno donato da sempre un nuovo approccio alle cure palliative che supera la divisione tra cura del corpo e cura dell’anima”. Bisogna dunque “continuare su questa strada”. 

Diversi atelier hanno illustrato progetti riusciti di una strategia comune. Le parrocchie dovrebbero “considerare le cure palliative come un prolungamento del loro impegno diaconale e di accompagnamento spirituale”, ha aggiunto Pascal Mösli, responsabile dell’accompagnamento nelle Chiese riformate di Berna, Giura e Soletta.

cath.ch/red

«Il diritto svizzero anziché giudici stranieri», Sacrificio Quaresimale denuncia: iniziativa contro i diritti umani

10.11.2018

L’iniziativa per l’autodeterminazione, sulla quale il popolo svizzero è chiamato ad esprimersi il prossimo 25 novembre, propone un nuovo modo di affrontare i casi di incompatibilità tra la Costituzione svizzera e i trattati internazionali sottoscritti dalla Svizzera, ma secondo Sacrificio Quaresimale questo minerebbe i diritti umani.

I rappresentanti religiosi firmatari della Dichiarazione.

Charles Morerod: "Il migrante? L'unica cosa che porta con sé è la sua fede"

09.11.2018

Tra i firmatari della dichiarazione congiunta in favore dei migranti, fatta pervenire due giorni fa a Marina Carobbio dai rappresentanti del Consiglio svizzero delle religioni, anche mons. Charles Morerod, Presidente della Conferenza dei Vescovi svizzeri. Ecco il suo commento.

Pierre de Salis, nuovo Presidente dell'Assemblea dei delegati della Federazione delle Chiese protestanti in Svizzera

08.11.2018

Nella loro seduta del 5 e 6 novembre scorsi, i delegati della Federazione delle Chiese protestanti della Svizzera (SEK) hanno eletto per l'anno 2019-2020 il nuovo Presidente della loro assemblea, il pastore neocastellano Pierre de Salis. Tra i suoi obiettivi, "dare amggiore visibilità al protestantesimo svizzero e al suo contributo alla società".