Svizzera

Cure palliative: una giornata nazionale ecumenica

14.09.2018, 11:20 / redazionecatt

80 esperti e responsabili protestanti e cattolici si sono riuniti il 12 settembre a Zurigo per una giornata nazionale ecumenica sul tema delle cure palliative, intitolata “Communautés de soins: les soins palliatifs dans les paroisses”. Essi hanno sottolineato quanto sia importante che anche le Chiese adempiano al loro compito di accompagnamento delle persone in fin di vita o gravemente malate.

Curare l’anima e curare il corpo

La popolazione diventa sempre di più anziana e vive più a lungo al proprio domicilio, con tutte le difficoltà che questo implica. Diventa quindi urgente organizzarsi affinché si formi una rete di volontari che vi facciano fronte e una copertura socio-politica adeguata.

L’accompagnamento pastorale delle persone malate o in fin di vita non è un’evidenza nemmeno per la Chiesa. Sono necessarie nuove risposte, anche in quei luoghi dove l’assistenza della Chiesa sembra scontato”, ha dichiarato Esther Gaillard, vice-presidente del Consiglio della Federazione delle Chiese protestanti della Svizzera (FEPS) nelle sue parole di benvenuto. La giornata di studio è stata organizzata in collaborazione con la Conferenza dei Vescovi Svizzeri. 

La collaborazione tra le parrocchie e gli enti che si occupano di cure palliative non è ancora ovvia, stimano gli organizzatori del colloquio. Eppure, “gli ospizi di ispirazione cristiana hanno donato da sempre un nuovo approccio alle cure palliative che supera la divisione tra cura del corpo e cura dell’anima”. Bisogna dunque “continuare su questa strada”. 

Diversi atelier hanno illustrato progetti riusciti di una strategia comune. Le parrocchie dovrebbero “considerare le cure palliative come un prolungamento del loro impegno diaconale e di accompagnamento spirituale”, ha aggiunto Pascal Mösli, responsabile dell’accompagnamento nelle Chiese riformate di Berna, Giura e Soletta.

cath.ch/red

La marcia di Pasqua nel 2018.

Marcia a Berna: “Esportiamo la pace e non la guerra”

23.04.2019

Un migliaio di persone ha partecipato ieri, lunedì 22 aprile, alla tradizionale marcia della Pasqua a Berna per chiedere la cessazione dell'esportazione delle armi. La Svizzera è, a livello pro capite, il quarto più grosso esportatore di materiale bellico al mondo,

Il vescovo di Coira, Vitus Hounder

Vitus Hounder resta Vescovo di Coira

22.04.2019

Una simile estensione del mandato non è una novità per la diocesi di Coira con i suoi quasi 700'000 cattolici distribuiti in sei cantoni. Già il predecessore di Huonder, il vescovo Amedée (Amedeo) Grab, era stato a capo della diocesi fino cinque mesi dopo il suo 77esimo compleanno come amministratore apostolico. Huonder, invece, rimane vescovo, ha precisato a Keystone-ATS un portavoce della diocesi.

Il drappo quaresimale.

Svizzera. Si conclude oggi la 50esima Campagna ecumenica

22.04.2019

Oggi si conclude la 50esima Campagna ecumenica di Pane per tutti, Sacrificio Quaresimale e Essere solidali. Le tre organizzazioni di cooperazione allo sviluppo desiderano, con un cominicato, dire grazie ai numerosi volontari e volontarie nelle parrocchie e nelle comunità e alle tre ospiti provenienti dai paesi del Sud. È un lungo viaggio quello che Sacrificio Quaresimale e Pane per tutti hanno percorso insieme dal 1969, e in seguito con il sostegno di Essere solidali. Eppure molte cose ci ricordano la situazione di 50 anni fa. La cooperazione allo sviluppo ancora oggi è sotto pressione e il mondo è tuttora segnato da ingiustizie e squilibri.