Svizzera

Cure palliative: una giornata nazionale ecumenica

14.09.2018, 11:20 / redazionecatt

80 esperti e responsabili protestanti e cattolici si sono riuniti il 12 settembre a Zurigo per una giornata nazionale ecumenica sul tema delle cure palliative, intitolata “Communautés de soins: les soins palliatifs dans les paroisses”. Essi hanno sottolineato quanto sia importante che anche le Chiese adempiano al loro compito di accompagnamento delle persone in fin di vita o gravemente malate.

Curare l’anima e curare il corpo

La popolazione diventa sempre di più anziana e vive più a lungo al proprio domicilio, con tutte le difficoltà che questo implica. Diventa quindi urgente organizzarsi affinché si formi una rete di volontari che vi facciano fronte e una copertura socio-politica adeguata.

L’accompagnamento pastorale delle persone malate o in fin di vita non è un’evidenza nemmeno per la Chiesa. Sono necessarie nuove risposte, anche in quei luoghi dove l’assistenza della Chiesa sembra scontato”, ha dichiarato Esther Gaillard, vice-presidente del Consiglio della Federazione delle Chiese protestanti della Svizzera (FEPS) nelle sue parole di benvenuto. La giornata di studio è stata organizzata in collaborazione con la Conferenza dei Vescovi Svizzeri. 

La collaborazione tra le parrocchie e gli enti che si occupano di cure palliative non è ancora ovvia, stimano gli organizzatori del colloquio. Eppure, “gli ospizi di ispirazione cristiana hanno donato da sempre un nuovo approccio alle cure palliative che supera la divisione tra cura del corpo e cura dell’anima”. Bisogna dunque “continuare su questa strada”. 

Diversi atelier hanno illustrato progetti riusciti di una strategia comune. Le parrocchie dovrebbero “considerare le cure palliative come un prolungamento del loro impegno diaconale e di accompagnamento spirituale”, ha aggiunto Pascal Mösli, responsabile dell’accompagnamento nelle Chiese riformate di Berna, Giura e Soletta.

cath.ch/red

Il vescovo Markus Büchel durante la funzione a Lucerna. Foto cath.ch

Monsignor Büchel: "La libertà religiosa non è un dono, ma un diritto"

21.01.2019

"Oggi assistiamo alla più grande persecuzione dei cristiani di tutti i tempi", ha sottolineato il vicepresidente della Conferenza dei vescovi svizzeri in una stipata chiesa dei gesuiti a Lucerna, durante una celebrazione in memoria del fondatore di Aiuto alla Chiesa che Soffre. Parlando del Medio Oriente il vescovo ha invitato alla solidarietà nei confronti dei cristiani di quelle terre e di Israele che non godono la stessa parità di diritti degli altri cittadini. Appello alla solidarietà nei loro confronti.

Opera Don Bosco nel Mondo - Cinquant'anni di generosità dal Ticino al mondo

11.01.2019

La Fondazione Opera Don Bosco nel Mondo è stata fondata il 24 giugno 1965 da don Enrico Morganti, sacerdote salesiano svizzero, per sostenere le Opere Salesiane in Burundi e in particolare la costruzione della scuola di Ngozi.

Il gruppo (quasi completo) di giovani ticinesi in viaggio verso Madrid.

Anche dieci ticinesi all'Incontro europeo di Taizé a Madrid

28.12.2018

Guidati da don Rolando Leo, raggiungeranno venerdì mattina, dopo una notte in bus, la capitale spagnola per partecipare al tradizionale "pèlerinage de confiance", come lo chiamava frère Roger fondatore della Comunità di Taizé; un cammino di fede in mezzo alle culture dei vari popoli, rappresentati da centinaia di giovani provenienti da tutta Europa. Resteranno a Madrid fino al 1. gennaio.