Internazionale

Coronavirus: chiusi i luoghi di San Pio. Frati in quarantena

A causa dei numerosi contagi presenti all’interno del convento, i luoghi di padre Pio restano chiusi ai pellegrini. Non accadeva dal 1968.

Da lunedì scorso, tutte le Messe nel Santuario dei Cappuccini di San Giovanni Rotondo sono celebrate a porte chiuse mentre sono ridotte a due quelle festive aperte ai fedeli, la mattina alle 11.30 e quella vespertina delle 18. Per ragioni prudenziali resteranno chiuse, fino a nuova disposizione, la chiesa di San Pio da Pietrelcina e la cripta del santuario di Santa Maria delle Grazie, che custodisce la reliquia del corpo del Santo, e i relativi percorsi per i pellegrini. «La situazione attuale è tale che obbliga a prendere delle decisioni pesanti e apparentemente «contrarie» a quella che è la prassi religiosa comune», ha spiegato padre Franco Moscone, arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo e presidente dalla Fondazione Casa Sollievo della Sofferenza, «mi rendo conto che mi è toccato compiere un’azione un po’ di tipo storico con la chiusura del santuario e dei luoghi di Padre Pio, cosa che non era mai successa dalla morte di san Pio del 1968».

Una decisione presa dopo aver sentito il rettore, fra’ Francesco Dileo e il provinciale fra’ Maurizio Placentino, anche lui colpito dal Covid. Intervenendo sull’emittente Padre Pio TV, padre Franco ha definito «drammatica» la situazione in cui è venuta a trovarsi la comunità religiosa dei Cappuccini: un gran numero di frati sono risultati positivi e molti con sintomi. «Non è possibile mantenere il servizio e quindi è stato un atto d’obbligo chiudere gli ambienti del santuario e ridurre le celebrazioni con la presenza del popolo». Sarà comunque sempre garantita la trasmissione televisiva delle celebrazioni in diretta sull’emittente nazionale Padre Pio Tv.

«Dio», ha sottolineato padre Franco, «è nella realtà e soprattutto nella realtà ci siamo noi. Di fronte a questa situazione di pandemia non ci tocca salvare il credo ma i credenti, non ci tocca salvare la pratica ma i praticanti. Sarebbe come dire che come pastore non vado alla ricerca delle pecore smarrite, non cerco di proteggerle ma mi accontento di proteggere i libri che studiano la pastorale o la teologia».

Il Santuario di San Pio a San Giovanni Rotondo.
18 Novembre 2020 | 17:31
Condividere questo articolo!