Svizzera

Convento di Ingenbohl: più di 50 suore sono risultate positive al Covid-19

Il convento delle Suore della Carità della Santa Croce di Ingenbohl, casa madre della congregazione, vicino a Brunnen, nel cantone di Svitto, è stato gravemente colpito dalla pandemia Covid-19. Più di 50 suore sono risultate positive al test e una di loro è morta a causa del coronavirus. La maggior parte delle sorelle è di nuovo in salute.

Regula Pfeifer / Kath.ch – traduzione e adattamento Jacques Berset / Federico Anzini

«Sebbene abbiamo avuto un concetto di protezione contro il coronavirus sin dalla primavera, che stiamo implementando in modo coerente, siamo anche preoccupati», dice suor Tobia Rüttimann, Superiora provinciale. «Abbiamo molte sorelle molto anziane. L’età media è di 81 anni», spiega.

Curati in loco

280 suore vivono sulla collina di Ingenbohl.  Solo una suora è stata ricoverata, mentre l’altra malata è stata curata in loco. Le suore risultate positive al test potrebbero uscire dal loro isolamento nei prossimi giorni. Secondo kath.ch, le suore di Ingenbohl non possono partecipare tutte insieme alle funzioni religiose, perché superano il limite di 30 persone, per combattere la diffusione del Covid-19 . Le suore hanno un calendario per sapere chi può partecipare alla Messa e quando. Per prevenire la diffusione del virus, le nove comunità del monastero sono state separate l’una dall’altra.

Le misure protettive hanno funzionato

Questo aiuta anche a evitare ulteriori contaminazioni. Le misure di protezione hanno funzionato bene, nota il superiore provinciale. Non ci sono stati nuovi casi negli ultimi giorni e la maggior parte delle suore sono guarite.

Prima dell’inizio della seconda ondata di coronavirus, il convento di Ingenbohl ha nuovamente sospeso tutte le sue offerte di ospitalità. Non accetta più pellegrini o ospiti e celebra solo la messa internamente. In tal modo, i requisiti ufficiali vengono soddisfatti, ci assicura la sorella Tobia Rüttimann. «Abbiamo molti dipendenti esterni. Con questo personale, siamo stati in grado di farcela». Attualmente il convento sta cercando personale infermieristico, ma, secondo il superiore provinciale, questo non ha alcun legame diretto con la pandemia Covid-19.

Convento di Ingenbohl Le suore prima della pandemia di Covid-9 | © Vera Ruettimann
12 Novembre 2020 | 07:01
Condividere questo articolo!