https://www.flickr.com/photos54316710@N04
Svizzera
https://www.flickr.com/photos54316710@N04

Il Consiglio federale non rispetta le promesse sul clima

01.09.2016, 11:57 / Redazione

La nuova legge sul CO₂ mira ad attuare l’accordo di Parigi di dicembre 2015. Ma il disegno di legge presentato non è all’altezza di questo obiettivo. Mancano alcuni aspetti centrali, come ad esempio il passaggio completo dalle energie fossili a quelle rinnovabili entro il 2050. L’Alleanza climatica analizzerà il disegno di legge e proporrà una serie di cambiamenti ispirati dal suo “Masterplan clima”.
Durante i negoziati sul clima di Parigi, nel dicembre 2015, la Svizzera, come membro del gruppo dei paesi “dalle ambizioni elevate”, si è battuta con successo per un accordo che dovrebbe preservare il mondo da cambiamenti climatici catastrofici. E’ stato definito l’obiettivo di limitare il riscaldamento globale a 1.5-2 gradi al massimo. Adesso tutti i paesi devono dedurre da questo accordo prescrizioni nazionali. La nuova revisione della legge sul CO₂ non permette di raggiungere questo obiettivo e fa temere che la Svizzera, nonostante belle parole, voglia sottrarsi alla sua responsabilità globale. “Invece di accelerare la transizione verso una Svizzera senza CO2, la proposta del Consiglio federale va in direzione di un rallentamento”, afferma Georg Klinger di Greenpeace. “In questo modo il Consiglio federale non mantiene il riorientamento della politica climatica promesso a Parigi”.
Nel suo “Masterplan clima Svizzera” (In francese: http://www.klima-allianz.ch/fr/masterplan-climat/), l’Alleanza climatica ha dimostrato che la nuova legge sul CO2 deve rispondere a tre esigenze centrali:
La Svizzera deve diventare completamente senza CO2 entro il 2050. Certo, il Consiglio federale propone una diminuzione delle emissioni interne entro il 2020 e il 2030, ma per raggiungere questo obiettivo è troppo poco.
Bisogna prendere misure efficaci che includano tutti i settori e gli attori, fra cui il trasporto e l’industria. Il disegno di legge rimane troppo vago su questo punto centrale.
E terzo, l’accordo di Parigi afferma chiaramente che questi obiettivi non possono essere raggiunti solo con misure interne. Perché “noi Svizzeri provochiamo, come tutti i paesi industrializzati, molte più emissioni all’estero che da noi, per esempio consumando prodotti importati”, afferma Jürg Stauden?mann di Alliance Sud. “Dobbiamo quindi, oltre alle misure interne, partecipare alle misure nei paesi più poveri e più toccati dal cambiamento climatico al Sud con almeno 1 miliardo di franchi all’anno”. Ma la proposta di revisione della legge sul CO2 non prevede nessuno dei mezzi che bisognerebbe mobilitare a questo fine, secondo il principio di “chi inquina paga”.
Link verso il “Masterplan clima Svizzera”, in francese: http://www.klima-allianz.ch/fr/masterplan-climat/; o in tedesco: http://www.klima-allianz.ch/klima-masterplan/

ONU: Il Progetto fiscale svizzero nuoce ai diritti umani

11.10.2017

L’Esperto indipendente Juan Pablo Bohoslavsky ha esaminato le conseguenze della politica fiscale e finanziaria sui diritti umani. A suo parere, il progetto fiscale 17 è problematico.

Mostra sulla Riforma in val Bregaglia

29.09.2017

Nel 500° anniversario della Riforma la Pgi Bregaglia ricorda in una mostra allestita presso la Galleria «il Salice» a Castasegna l’influsso di lungo periodo dei grandi dibattiti religiosi del XVI secolo sulla cultura e sulla lingua di una valle sudalpina.

La società civile svizzera fa fronte comune

26.09.2017

Delle ONG svizzere si impegnano insieme per realizzare l’Agenda 2030 dell’ONU e i suoi 17 obiettivi di sviluppo sostenibile. Ieri a Berna è stata lanciata una piattaforma per far sì che la durabilità a tutti i livelli diventi l’obiettivo prioritario della Confederazione e di altri respon­sabili.

Francesco   famiglia   aleppo   Ecumenismo   colombia   chiesa   svizzera   PapaFrancesco   misericordia   siria   guerra   preghiera   cristiani   islam   migranti   africa   strada regina   Papa   giovani   gmg   pace   SantaMarta   angelus   egitto   udienza   vescovi   vaticano   isis   diocesi   gdp   missione