La cappella di Santa Marta
Papa
La cappella di Santa Marta

"Con l'insulto si uccide"

14.06.2018, 11:39 / redazionecatt

“Il Signore dice: l’insulto non finisce in se stesso, è una porta che si apre, è incominciare una strada che finirà uccidendo”. Lo ha detto il Papa, nell’omelia pronunciata stamane durante la Messa a Santa Marta.

Da cosa nasce l’insulto? Dall’invidia. E Francesco ne è convinto. “Quando – ha osservato il Papa secondo quanto riporta Vatican News – una persona fa qualcosa che non piace io la insulto e la faccio passare come disabil”: disabile mentale, disabile sociale, disabile familiare, senza capacità di integrazione. E per questo uccide: uccide il futuro di una persona, uccide il percorso di una persona. È l’invidia che apre la porta, perché quando una persona ha qualcosa che mi minaccia, l’invidia mi porta a insultarla. Quasi sempre c’è l’invidia lì”.

L’invidia si supera attraverso la riconciliazione e ce lo insegna Gesù, che ” è così radicale. La riconciliazione non è un atteggiamento di buone maniere, no: è un atteggiamento radicale, è un atteggiamento che cerca di rispettare  la dignità dell’altro e anche la mia. Dall’insulto alla riconciliazione, dall’invidia all’amicizia. Questo è il percorso che Gesù ci dà oggi. Che bello non insultare mai. È bello, perché così lasciamo crescere gli altri. Che il Signore ci dia questa grazia”.

(acistampa)

Papa Francesco in soccorso delle vittime dell'eruzione del vulcano in Guatemala

20.06.2018

In un comunicato stampa si sottolinea che tale somma "vuol essere un’immediata espressione del sentimento di spirituale vicinanza".

Papa al pranzo della Caritas: più condivisione e fraternità coi migranti

19.06.2018

“Create spazi di condivisione per una rinnovata fraternità”: il messaggio del Papa per il pranzo coi migranti alla mensa Caritas di Roma, nell’ambito della campagna “Share the journey”.

Papa: "le dittature iniziano lanciando calunnie mediatiche"

18.06.2018

"Le dittature, tutte, hanno incominciato così, con adulterare la comunicazione, per mettere la comunicazione nelle mani di una persona senza scrupolo, di un governo senza scrupolo" ha constatato Francesco nell'omelia della Messa del mattino a Casa Santa Marta.