La cappella di Santa Marta
Papa
La cappella di Santa Marta

"Con l'insulto si uccide"

14.06.2018, 11:39 / redazionecatt

“Il Signore dice: l’insulto non finisce in se stesso, è una porta che si apre, è incominciare una strada che finirà uccidendo”. Lo ha detto il Papa, nell’omelia pronunciata stamane durante la Messa a Santa Marta.

Da cosa nasce l’insulto? Dall’invidia. E Francesco ne è convinto. “Quando – ha osservato il Papa secondo quanto riporta Vatican News – una persona fa qualcosa che non piace io la insulto e la faccio passare come disabil”: disabile mentale, disabile sociale, disabile familiare, senza capacità di integrazione. E per questo uccide: uccide il futuro di una persona, uccide il percorso di una persona. È l’invidia che apre la porta, perché quando una persona ha qualcosa che mi minaccia, l’invidia mi porta a insultarla. Quasi sempre c’è l’invidia lì”.

L’invidia si supera attraverso la riconciliazione e ce lo insegna Gesù, che ” è così radicale. La riconciliazione non è un atteggiamento di buone maniere, no: è un atteggiamento radicale, è un atteggiamento che cerca di rispettare  la dignità dell’altro e anche la mia. Dall’insulto alla riconciliazione, dall’invidia all’amicizia. Questo è il percorso che Gesù ci dà oggi. Che bello non insultare mai. È bello, perché così lasciamo crescere gli altri. Che il Signore ci dia questa grazia”.

(acistampa)

Il Papa: "Il grido dei poveri è quello di ogni ingiustizia"

18.11.2018

Nella Giornata mondiale dei poveri il Pontefice celebra con 6000 indigenti nella Basilica di San Pietro. Per Francesco “vivere la fede a contatto coi bisognosi è importante per tutti noi”. In quanto “non è un’opzione sociologica, è un’esigenza teologica”.

Udienza di Papa Francesco al presidente israeliano

15.11.2018

Papa Francesco ha ricevuto in udienza Reuven Rivlin, presidente dello Stato d’Israele. E’ quanto rende noto la Sala stampa della Santa Sede.

Papa ai giornalisti: non prevalga il pessimismo che accieca

10.11.2018

Udienza ai membri dell’Istituto fondato dal gesuita Seibel 50 anni fa dopo il Concilio. Il direttore: in tempi di fake news impegnati a cercare la verità che rende liberi.