Ticino

Con la nuova lettera pastorale del vescovo parte il viaggio sinodale in Ticino

Il Sinodo, come dice papa Francesco va interpretato come un «processo », un camminare che diventa lavoro comune per fare di questo procedere, una virtù, condividendo visioni, sogni, attività e mezzi, a favore di un rinnovato stile missionario. A questo processo messo in atto dal Papa prende parte anche la Chiesa in Ticino che vi risponderà e vi parteciperà fin dalle prossime settimane. Come? In primo luogo con la pubblicazione, ormai imminente, della sesta lettera pastorale del vescovo Valerio Lazzeri che è dedicata al Sinodo, intitolata «I cristiani? Quelli della via».

Un Sinodo che in Ticino si aprirà con una celebrazione in Cattedrale, a Lugano, domenica 17 ottobre. Vi saranno coinvolti gli Organismi diocesani di consultazione, i Consigli Pastorali di Rete e chiunque altro lo vorrà. Questo processo sinodale non deve però essere avvertito come qualcosa di calato dall’alto, che si sovrappone dall’esterno, da Roma, al cammino delle parrocchie in Ticino. Infatti, nonostante la pandemia, in questi anni in Ticino a partire dai presbiteri, si è avviata già una consultazione, quella relativa al progetto delle zone-reti pastorali, che è ancora in atto. Negli scorsi mesi è emersa la necessità di dare luogo ad un’equipe diocesana delle zone-reti pastorali che facesse una sintesi di quanto emerso dalla primissima fase di questa consultazione, in attesa di dare la parola ai laici. Questa équipe, costituita recentemente da mons. Lazzeri e coordinata da don Sergio Carettori, diventa ora, su indicazione del vescovo, un primo gremio da cui iniziare a pensare il processo sinodale in Ticino, che viene così integrato nel lavoro in atto sulle zone-reti pastorali.

La Diocesi di Lugano quindi è già sinodalmente operativa con questa équipe e l’imminente pubblicazione della nuova lettera pastorale del vescovo, nella quale si trovano gli spunti affinché la Chiesa in Ticino inizi con tutta la Chiesa mondiale il viaggio missionario che si chiama «Sinodo 2021-2023».

Leggi anche «la Chiesa deve affrontare la mancanza di fede»

Mons. Valerio Lazzeri – foto Alessandro Crinari (Diocesi Lugano)
13 Settembre 2021 | 06:44
Condividere questo articolo!