Internazionale

Chiara Lubich, la via dell’unità tra storia e profezia

A cent’anni dalla nascita e quasi dodici dalla morte, Città Nuova dedica una nuova biografia alla fondatrice del Movimento dei focolari: «Chiara Lubich. La via dell’unità tra storia e profezia» (pagine 488, euro 19). L’opera verrà presentata a Roma il 30 novembre, alle 16,30, presso l’Auditorium del «Gemelli», in un incontro al quale parteciperanno Giulia Galeotti, Salvatore Abbruzzese, Giuseppe Sangiorgi, Rita Moussallem, oltre all’autore, Maurizio Gentilini, storico e archivista, un trentino trapiantato a Roma dove lavora al Centro nazionale delle Ricerche, qui intervistato.

Cosa l’ha spinta a scrivere una biografia della Lubich? Esperienza professionale o anche altro? «Ho affrontato (senza sospettare quello che mi attendeva…) la scrittura di questa biografia a seguito della richiesta di alcuni rappresentanti del Movimento dei Focolari (del quale non faccio parte), dopo la presentazione di un libro a Trento, due anni fa. Ho accettato la sfida, cercando di leggere le vicende che provo a narrare nel libro con l’applicazione del metodo storico-critico, riferendomi costantemente alle fonti, con la mia sensibilità di credente, definendo un metodo e una chiave ermeneutica che trova la sua sintesi tra spiritualità e azione, storia e profezia».

Continua a leggere.

29 Novembre 2019 | 12:01
chiara lubich (4), focolari (13), libro (66)
Condividere questo articolo!

En relation