Santa Teresa di Lisieux.
Diocesi
Santa Teresa di Lisieux.

"Chiamati all'amore". Una proposta del Carmelo di Locarno-Monti

15.03.2019, 11:10 / RedCattLQ

Si terrà sabato 23 marzo, alle ore 15 presso il Carmelo di Locarno-Monti, il secondo incontro del ciclo “Essere figli”, con padre Fabio Silvestri OCD, dal titolo “Chiamati all’amore”. La vicenda di S. Teresina di Lisieux non è solo la storia di una grande santità personale, ma è anche quella di una santità famigliare. Come vivere allora oggi un’esperienza cristiana della famiglia, con le sue ferite e con le sue gioie? Forse S. Teresa potrà indicarci una via…

Il movimento ecclesiale carmelitano

Il Movimento Ecclesiale Carmelitano (MEC) è nato nel 1993 per iniziativa del teologo P. Antonio Maria Sicari, che ha guidato la nascita di un’esperienza di comunione tra religiosi e laici affinché, nel rispetto delle loro diverse vocazioni, potessero condividere in modo nuovo le ricchezze del carisma carmelitano.

Il nome stesso del MEC esprime già i contenuti essenziali proposti dall’esperienza.

MOVIMENTO: questo concetto non indica tanto una categoria sociologica, quanto piuttosto una dimensione teologica e storica tipicamente ecclesiale. “Essere movimento”, infatti, significa voler partecipare allo stesso “movimento” che definisce e anima la Chiesa: il movimento dell’Amore di Dio Padre che – nel Figlio e per mezzo dello Spirito Santo – si incarna e si fa storia nel mondo. La Chiesa, a sua volta, è chiamata a “camminare” per portare questo Amore a tutti gli uomini. Attraverso il dono del proprio carisma, quindi, il MEC desidera essere una “patria spirituale”, ospitale e dinamica, dove l’Amore di Dio si fa incontrabile e tangibile: per essere accolti in una reale comunione e, nello stesso istante, per essere invitati al proprio movimento d’amore verso il prossimo.

ECCLESIALE: la nostra esperienza si definisce “ecclesiale” per esprimere un filiale e sincero amore per la Chiesa – riconosciuta come Madre – per contribuire al dono della sua “Comunione” e per imparare a servirne le necessità, i drammi e lo slancio per l’evangelizzazione. I Santi carmelitani, in particolare, hanno sempre riconosciuto come propria e specifica “dimora vocazionale” il cuore stesso della Chiesa, cioè il luogo più intimo dell’Amore che la genera. Il MEC desidera vivere di tutti i doni istituzionali e carismatici che la Chiesa offre, accogliendo e rispettando, in maniera particolare, le diverse vocazioni e i diversi stati di vita, nella loro specifica identità. Si rivolge principalmente al laicato, perché è soprattutto attraverso i laici che la Chiesa deve rendersi presente e operante nel mondo.

CARMELITANO: il carisma del Carmelo – che ha più di ottocento anni di vita – e che fino ad ora è stato quasi esclusivamente riferito a consacrati e consacrate, viene adesso offerto in maniera nuova alla partecipazione dei laici, secondo la loro specifica identità ecclesiale e in comunione con i religiosi. Il carisma è, d’altra parte, un ulteriore dono dello Spirito per vivere il proprio Battesimo, per amare sempre più Cristo secondo un particolare aspetto del Suo mistero e per edificare la Sua Chiesa. Il carisma carmelitano, più in particolare, nel modo tipico in cui è sperimentato all’interno del MEC, educa il cristiano a conoscere la massima profondità del suo cuore, per scoprirlo intimamente abitato dal mistero del Dio Trino e capace, per questo, di raggiungere le profondità di ogni altro cuore, di ogni avvenimento e di tutta la realtà. L’esperienza della propria unicità e profondità personale, nella preghiera e nella vita, diventa quindi principio per la massima apertura missionaria. Questo sguardo si sviluppa, in particolare, grazie all’esperienza, che è anche laicale, del dono dei “consigli evangelici”, riconosciuti come vera e propria “antropologia originaria”.

Il Movimento Ecclesiale Carmelitano è diffuso in numerose città d’Italia e all’estero è presente in Libano, Romania, Lettonia, Belgio, Stati Uniti, Colombia. Il 16 luglio del 2003 è stato riconosciuto come associazione privata di fedeli dal Vescovo di Brescia.

Domenica 24, dopo l’incontro, seguirà una Santa messa celebrata con tutta la comunità di monache alle ore 8.

L'Ape del cuore. Presto a Gordola e Balerna altre due Api, che verranno "presentate" alla comunità di Lugano il 3 giugno.

I prossimi appuntamenti all'Oratorio di Lugano: presto due nuove API a Balerna e Gordola

24.05.2019

Continuano a pieno ritmo, anche con l'arrivo dell'estate, le attività all'Oratorio di Lugano in Piazza San Rocco. In particolare, l'appuntamento di lunedì 3 giugno alle 18.30, durante il quale verranno presentate le nuovi API che partiranno per gli oratori di Balerna e Gordola, contribuendo a sostenere concretamente le famiglie bisognose del Ticino.

Il vescovo Lazzeri con il gruppo di ticinesi in partenza per la GmG di Panama

Sabato l'ultimo incontro del vescovo Valerio con i giovani

23.05.2019

In programma l'ultima catechesi sul Vangelo di San Giovanni. In seguito, spazio ai giovani per raccontare come hanno vissuto questo intenso anno pastorale. L'appuntamento è a partire dalle 10 al Collegio Pio XII in via Lucino a Breganzona.

Don Massimo Braguglia sarà il nuovo amministratore parrocchiale della Collegiata di Bellinzona

21.05.2019

Assumerà tutti gli attuali incarichi parrocchiali di don Pierangelo Regazzi, che nei prossimi mesi andrà in pensione, alla Collegiata di Bellinzona e Daro. L'entrata in Parrocchia è prevista per l'inizio del prossimo anno pastorale.