Papa e Vaticano

Che formazione riceve una Guardia Svizzera?

Una giornata di formazione a cadenza mensile. Anche in questo modo la Guardia Svizzera mantiene elevati gli standard operativi dei suoi uomini che hanno il compito di garantire la sicurezza del Santo Padre. A ripercorrere questo appuntamento fisso è l’ultima puntata della collana video realizzata da Vatican Media e Officina della Comunicazione sotto l’egida del Dicastero per la Comunicazione della Santa Sede per far conoscere da vicino la vita del Corpo ai giovani elvetici interessati a farne parte.

Sicurezza e rappresentanza
Per la Guardia Svizzera la parola ›addestramento’ significa innanzi tutto qualcosa che rappresenta una costante. Il percorso, infatti, si ripete durante l’intera permanenza nel Corpo e si articola lungo ambiti specifici – come la sicurezza e la rappresentanza – che ricalcano il cuore di un’antichissima missione. E la clip mostra ›in presa diretta’ la giornata formativa tipo che prevede esercitazioni con e senza alabarda, difesa personale e allenamenti fisici tesi a sottoporre ciascuna guardia a situazioni di stress capaci di stimolare la capacità di reagire velocemente fronteggiando qualsiasi tipo di imprevisto.

La parte spirituale
Uno dei capisaldi della formazione è l’accompagnamento spirituale, attività condotta dal cappellano della Guardia Svizzera che supporta costantemente il Corpo. Il tema di fondo è il rapporto con la fede, ovviamente già presente in ciascuna guardia, che però viene consolidato e ricondotto all’interno di un programma scandito soprattutto da incontri sul catechismo e da altre iniziative per rafforzare la vita comunitaria. Il riferimento è alle gite presso santuari e luoghi di culto compiute di solito nell’arco di un giorno. Fra le mete figurano ad esempio Firenze e il santuario mariano della Mentorella, alle porte di Roma.

Le tre sezioni
La formazione riguarda tutti i membri della Guardia Svizzera che è suddivisa internamente in 3 sezioni, ciascuna composta da 30 uomini e guidata da un ufficiale e da un sergente in qualità di sostituto. La prima sezione raccoglie coloro i quali giocano a calcio; la seconda quelli di lingua italiana e francese; la terza è composta in massima parte da musicisti. «Tale suddivisione – spiega il sergente Urs Breitenmoser, responsabile dei media della Guardia Svizzera Pontificia – è solo tendenziale e risponde all’esigenza di fare squadra. Così – conclude – nei giorni di riposo è più facile praticare queste discipline e allenarsi assieme agli altri».

Attualmente dal Ticino vi sono 7 Guardie Svizzere, tre delle quali hanno prestato giuramento il maggio scorso.

vaticannews/red

22 Giugno 2019 | 22:08
giovani (496), guardiasvizzera (20), vaticano+ (143)
Condividere questo articolo!