Vaticano

Che formazione riceve una Guardia Svizzera?

22.06.2019, 22:08 / redazionecatt

Una giornata di formazione a cadenza mensile. Anche in questo modo la Guardia Svizzera mantiene elevati gli standard operativi dei suoi uomini che hanno il compito di garantire la sicurezza del Santo Padre. A ripercorrere questo appuntamento fisso è l’ultima puntata della collana video realizzata da Vatican Media e Officina della Comunicazione sotto l’egida del Dicastero per la Comunicazione della Santa Sede per far conoscere da vicino la vita del Corpo ai giovani elvetici interessati a farne parte.

Sicurezza e rappresentanza
Per la Guardia Svizzera la parola ‘addestramento’ significa innanzi tutto qualcosa che rappresenta una costante. Il percorso, infatti, si ripete durante l’intera permanenza nel Corpo e si articola lungo ambiti specifici – come la sicurezza e la rappresentanza – che ricalcano il cuore di un’antichissima missione. E la clip mostra ‘in presa diretta’ la giornata formativa tipo che prevede esercitazioni con e senza alabarda, difesa personale e allenamenti fisici tesi a sottoporre ciascuna guardia a situazioni di stress capaci di stimolare la capacità di reagire velocemente fronteggiando qualsiasi tipo di imprevisto.

La parte spirituale
Uno dei capisaldi della formazione è l’accompagnamento spirituale, attività condotta dal cappellano della Guardia Svizzera che supporta costantemente il Corpo. Il tema di fondo è il rapporto con la fede, ovviamente già presente in ciascuna guardia, che però viene consolidato e ricondotto all’interno di un programma scandito soprattutto da incontri sul catechismo e da altre iniziative per rafforzare la vita comunitaria. Il riferimento è alle gite presso santuari e luoghi di culto compiute di solito nell’arco di un giorno. Fra le mete figurano ad esempio Firenze e il santuario mariano della Mentorella, alle porte di Roma.

Le tre sezioni
La formazione riguarda tutti i membri della Guardia Svizzera che è suddivisa internamente in 3 sezioni, ciascuna composta da 30 uomini e guidata da un ufficiale e da un sergente in qualità di sostituto. La prima sezione raccoglie coloro i quali giocano a calcio; la seconda quelli di lingua italiana e francese; la terza è composta in massima parte da musicisti. “Tale suddivisione – spiega il sergente Urs Breitenmoser, responsabile dei media della Guardia Svizzera Pontificia – è solo tendenziale e risponde all’esigenza di fare squadra. Così – conclude – nei giorni di riposo è più facile praticare queste discipline e allenarsi assieme agli altri”.

Attualmente dal Ticino vi sono 7 Guardie Svizzere, tre delle quali hanno prestato giuramento il maggio scorso.

vaticannews/red

Nomine nei media vaticani: Matteo Bruni direttore della Sala Stampa

18.07.2019

Matteo Bruni è stato nominato dal Papa direttore della Sala Stampa vaticana. Alessandro Gisotti e Sergio Centofanti sono stati nominati vicedirettori della Direzione Editoriale del Dicastero per la Comunicazione.

Caso Orlandi: il legale della famiglia: "le due tombe nel cimitero teutonico erano vuote"

11.07.2019

Prime indiscrezioni dopo l'apertura dei due sepolcri in Vaticano dove, secondo una lettera anonima, si sarebbero potuti trovare i resti della ragazza romana scomparsa 36 anni fa. Le tombe, appartenenti a due nobili tedesche dell'800, secondo la legale del fratello della Orlandi, all'apertura sono state trovate "vuote".

Emanuela Orlandi, ricordata durante un momento di preghiera

Caso Orlandi: iniziata questa mattina l'apertura in Vaticano di due tombe

11.07.2019

Sono iniziate alle 8.15 di stamane nel cimitero teutonico in Vaticano le operazioni di apertura di due tombe di due donne nobili germaniche dentro le quali, secondo una lettera anonima, potrebbero celarsi anche i resti della ragazza quindicenne, figlia di un dipendente del Vaticano, scomparsa ben 36 anni fa. Il perito forense, dottor Artusi, sta procedendo già in queste ore alle indagini del caso sui resti contenuti in questi sepolcri.