dal Mondo

“Quando c'è amicizia tra cristiani e musulmani, non c'è paura” afferma il Direttore POM del Marocco

19.01.2017, 17:50 / Redazione

“Simeone Czeslaw Stachera, Direttore delle Pontificie Opere Missionarie del Marocco e Vicario generale di Tangeri, è soprattutto un missionario”. Così è stato presentato ieri dal Direttore delle POM della Spagna, padre Anastasio Gil, questo missionario francescano di origine polacca che ha lavorato per molti anni in Bolivia. Oggi è “Pastore di tutti” e non solo della piccola comunità cristiana del Marocco. Padre Stachera ha affermato che “quando c’è amicizia tra cristiani e musulmani, non c’è più la paura, ecco perché la Chiesa in Marocco sa bene che non può rimanere nelle chiese ma uscire verso tutti, verso le famiglie, laddove sia possibile custodire e dare dignità alla vita umana”.
Come Direttore nazionale delle POM del Marocco, il suo lavoro con i bambini si svolge su tre fronti. Il primo è con le minoranze cristiane, in cui è necessario lavorare soprattutto con i figli dei lavoratori stranieri che trascorrono un periodo di tempo nel paese. Poi nell’educazione dei bambini marocchini e nella lotta contro la povertà. A tale proposito ha evidenziato la generosità della Chiesa spagnola, in termini di personale e di aiuti economici. La terza area, da 5 o 6 anni, riguarda i figli dei migranti più vulnerabili, in cui le situazioni di vulnerabilità coprono una vasta gamma, da coloro che sono abbandonati a quelli che perdono i loro genitori. Il Direttore delle POM del Marocco ha evidenziato in questo campo il coinvolgimento personale dell’Arcivescovo di Tangeri, anch’egli missionario francescano spagnolo, Sua Ecc. Mons. Santiago Agrelo. Padre Stachera ha detto senza mezzi termini che “tutto ciò che riguarda i migranti è nostro”.
La conferenza stampa organizzata dalle POM a Madrid per la Giornata dell’Infanzia Missionaria che in Spagna si celebra domenica prossima, 22 gennaio, si è conclusa con l’intervento di padre Gil che ha informato in dettaglio sul contributo delle POM a questo paese africano, lamentando che l’unica notizia che si ha del Marocco è sempre quella “della rete che ci separa”, mentre “i bambini che vivono in Marocco sono come quelli che vivono nella nostra città”. Padre Gil ha sottolineato infine che “dall’altra parte della barricata, molti bambini ricevono l’aiuto dell’Infanzia Missionaria, anche molti musulmani, mentre noi riceviamo da lì la testimonianza di una vita di fede che ci muove, ci spinge ad impegnarci di più”.

https://www.flickr.com/photospapy06

Io, figlio del genocidio armeno / gdp.ch

26.04.2017

La testimonianza di Rupen Nacaroglu, nato a Lugano da genitori armeni, sul fardello di "un genocidio che i grandi del mondo possono sussurrare ma non urlare".

Ucciso un padre cappuccino nell’assalto al suo convento

26.04.2017

Un cappuccino malgascio di 46 anni, p. Lucien Njiva, è stato ucciso nella notte tra sabato 22 e domenica 23 aprile, nel convento di Ambendrana Antsohihy, in Madagascar.

Oim, mille migranti morti in 4 mesi. Msf: basta veleno su ong

26.04.2017

Oltre mille migranti sono morti nel Mediterraneo dall’inizio dell’anno. E’ quanto rileva l’Organizzazione internazionale delle migrazioni che oggi, a Ginevra, ha reso noto i dati.

SantaMarta   chiesa   vaticano   strada regina   gdp   natale   ticino   trump   Papa   angelus   aleppo   siria   cristiani   Ecumenismo   giubileo   svizzera   pace   migranti   islam   isis   egitto   preghiera   PapaFrancesco   misericordia   guerra   giovani   madre teresa   gmg   famiglia   Francesco   udienza