Ticino

Caritas Ticino: l'assemblea si rinnova

Caritas Ticino, l’associazione caritativa della Diocesi di Lugano rinnova i membri della sua Assemblea. Durante la riunione della stessa, lo scorso 4 giugno sono stati nominati nuovi membri don Patrizio Foletti, attuale rettore del Collegio Papio, il professor Alberto Gandolla, Chiara Gerosa responsabile di Missio per la Svizzera italiana e Roberto Poretti. Caritas Ticino, nel comunicato stampa del 9 giugno 2021, rende noto che durante la stessa assemblea si è affrontato il bilancio dell’Associazione a partire dalla situazione prodotta nel 2020 dal Covid-19. «La Pandemia ha segnato anche la vita di Caritas Ticino nel 2020, mettendo in campo tutta la creatività e capacità di adattamento della struttura e degli operatori e operatrici. Sono emerse difficoltà, ma anche risorse inaspettate in una gara di solidarietà che si è unita a quella che ha pervaso l’intera società civile. Perciò i risultati non sono mancati», comunica l’Associazione. Risultati, che come elencato solo i seguenti: una stabilità finanziaria con «chiusura a zero con una cifra d’affari di 8 mio di franchi; preventivo 2021 in parità; Attivi e passivi che ammontano a CHF 11’100’730».
Il programma occupazionale (PO) «ha accolto 961 persone: 756 persone in disoccupazione, 205 persone in assistenza. Coloro che hanno ritrovato un lavoro sono 155 persone pari al 30% delle persone in disoccupazione che hanno concluso il programma e 17 persone pari all’11% delle persone in assistenza che hanno concluso il programma».
Riguardo al prodotto della lavorazione, Caritas informa che è stato attuato il recupero e riuso di «centinaia di tonnellate di mobili e altri oggetti; il recupero di 22’00 tonnellate di materiale elettrico ed elettronico e sono stati raccolti attraverso 137 cassonetti verdi, 397 tonnellate di abiti usati. Inoltre sono state prodotte 30 tonnellate di ortaggi biologici ed eradicate circa 840’000 litri di piante invasive». Per quanto riguarda il lavoro del Servizio sociale di Caritas Ticino è stato comunicato che sono stati trattati «507 dossier trattati pari a 1’500 persone (800 nel 2019) ed elargiti CHF 343’000 circa di aiuti in forma sussidiaria».
Per il lavoro con i richiedenti d’asilo, Caritas informa che il progetto d’inserimento richiedenti asilo in attività di utilità pubblica, organizzati da comuni o enti senza scopo di lucro, ha interessato l’occupazione di 51 persone.
Il servizio di comunicazione dell’Associazione ha proseguito il suo lavoro con la produzione televisiva su TeleTicino e la produzione e messa in linea di oltre 2’000 video presenti su YouTube. Sempre nel 2020 sono state distribuite 5’500 copie della rivista Caritas Ticino in uscita 4 volte l’anno.
I dati completi dell’attività di Caritas Ticino nell’anno 2020 sono fruibili sul numero di giugno della rivista Caritas Ticino e sul sito www.caritas-ticino.ch.

La sede principale di Caritas Ticino a Pregassona.
9 Giugno 2021 | 16:34
caritasTicino (32), ticino (583)
Condividere questo articolo!