dal Mondo

Cairo: un imam sventa una strage di cristiani alla vigilia del Natale copto

11.01.2019, 11:42 / redazionecatt

Il Cairo (AsiaNews) – “Dobbiamo restare vicini, prenderci cura l’uno dell’altro. Quanti vogliono colpire i luoghi di culto, non hanno religione. Non sono musulmani, né cristiani”. È quanto ha affermato l’imam egiziano Saad Askar, che nei giorni scorsi ha scongiurato con il proprio intervento un attentato contro una chiesa nel sobborgo orientale del Cairo. L’allarme lanciato dal leader musulmano ha portato all’intervento di una squadra di artificieri, che ha disinnescato due dei tre ordigni. L’ultimo è esploso, uccidendo sul colpo uno dei poliziotti.

La vicenda risale alla sera del 5 gennaio, alla viglia dei festeggiamenti per il Natale copto-ortodosso. Nel mirino la chiesa della Vergine Maria a Ezbat al-Haganah, Nasr City, sobborgo orientale della capitale egiziana. Un dipendente della vicina moschea Diaa al-Haq, il 63enne Gouda Shaaban Khalifa e l’imam Askar hanno notato movimenti sospetti, in particolare un uomo (clicca qui per il filmato) che si muoveva con in mano un pacco sospetto.

A preoccupare il guardiano e l’imam, il fatto che l’uomo – secondo la testimonianza di due studenti di al-Azhar – sarebbe scappato via di corsa dall’area dopo aver lasciato nei pressi dell’edificio il pacco sospetto. L’intervento della polizia ha poi chiarito che si trattava di una valigia di medie dimensioni contenente, al suo interno, tre ordigni esplosivi. Il capitano della polizia Mustafa Ebeid, funzionario della Direzione della sicurezza del Cairo, ne ha disinnescati due prima che il terzo esplodesse uccidendolo sul colpo.

Continua a leggere su AsiaNews.

Europarlamento: grido di allarme per la libertà religiosa

17.01.2019

Gli eurodeputati hanno spresso preoccupazione per l'aumento nel mondo di casi di violazione della libertà di credere o non credere e condannato, in una risoluzione votata martedì scorso, il fatto che alcuni Paesi nel mondo applichino o stiano cercando di introdurre leggi che prevedono pene severe per blasfemia, per conversione a un altro credo religioso o per apostasia, inclusa la pena di morte.

L'Europa è ancora cristiana? Le considerazioni del politologo Roy

14.01.2019

La “riconquista religiosa da parte dei cattolici impegnati in politica non è possibile", dice il professore di studi orientali francesi, docente a Firenze. "perché passerebbe da una revisione delle norme (aborto, matrimonio gay, ecc.) e può farlo solo basandosi sui populisti". Secondo Roy, l'Europa oggi non ha bisogno di "legislatori" cristiani ma di "profeti".

Nel 2018 l'aborto prima causa di morte nel mondo

10.01.2019

Lasciano senza parole i dati pubblicati da uno studio americano riguardanti le interruzioni di gravidanza praticate nell'anno appena terminato. Si parla di quasi 42 milioni di bambini uccisi prima di nascere.