dal Mondo

Cairo: un imam sventa una strage di cristiani alla vigilia del Natale copto

11.01.2019, 11:42 / redazionecatt

Il Cairo (AsiaNews) – “Dobbiamo restare vicini, prenderci cura l’uno dell’altro. Quanti vogliono colpire i luoghi di culto, non hanno religione. Non sono musulmani, né cristiani”. È quanto ha affermato l’imam egiziano Saad Askar, che nei giorni scorsi ha scongiurato con il proprio intervento un attentato contro una chiesa nel sobborgo orientale del Cairo. L’allarme lanciato dal leader musulmano ha portato all’intervento di una squadra di artificieri, che ha disinnescato due dei tre ordigni. L’ultimo è esploso, uccidendo sul colpo uno dei poliziotti.

La vicenda risale alla sera del 5 gennaio, alla viglia dei festeggiamenti per il Natale copto-ortodosso. Nel mirino la chiesa della Vergine Maria a Ezbat al-Haganah, Nasr City, sobborgo orientale della capitale egiziana. Un dipendente della vicina moschea Diaa al-Haq, il 63enne Gouda Shaaban Khalifa e l’imam Askar hanno notato movimenti sospetti, in particolare un uomo (clicca qui per il filmato) che si muoveva con in mano un pacco sospetto.

A preoccupare il guardiano e l’imam, il fatto che l’uomo – secondo la testimonianza di due studenti di al-Azhar – sarebbe scappato via di corsa dall’area dopo aver lasciato nei pressi dell’edificio il pacco sospetto. L’intervento della polizia ha poi chiarito che si trattava di una valigia di medie dimensioni contenente, al suo interno, tre ordigni esplosivi. Il capitano della polizia Mustafa Ebeid, funzionario della Direzione della sicurezza del Cairo, ne ha disinnescati due prima che il terzo esplodesse uccidendolo sul colpo.

Continua a leggere su AsiaNews.

Il cardinale Barbarin

Barbarin si ritira temporaneamente dalla guida della Diocesi di Lione

19.03.2019

Il card. Barbarin ha condiviso l'esisto del colloquio avuto con il Papa, “su suo suggerimento e poiché la Chiesa di Lione soffre da tre anni, ho deciso di ritirarmi per un periodo e di lasciare la guida della diocesi al vicario generale". Francesco ha respinto le dimissioni del cardinale condannato in Francia per copertura di abusi, a motivo della "presunzione di innocenza" del porporato che infatti ha presentato ricorso al tribunale di Lione.

Haiti sull’orlo dell’abisso: allarme della Chiesa non trova risposta

16.03.2019

“L’ora è seria, aumenta la miseria, il bene comune è minacciato, questa situazione non può durare di più”, ammoniscono i vescovi. Le incognite politiche e gli aiuti insufficienti. Intervista ad Alessandro Cadorin, coordinatore della Caritas Italiana ad Haiti.

Migrazioni e donne: Fatou Diome ne parla il 21 marzo

14.03.2019

La Francia e l'Africa costituiscono i nuclei centrali delle opere di Fatou Diome, a Lugano il 21 marzo.