(CC BY 4.0)
dal Mondo
(CC BY 4.0)

Il Cairo - Egitto, sarà più facile costruire chiese

01.09.2016, 08:00 / Redazione

Il parlamento egiziano ha approvato una legge che disciplina la costruzione di nuove chiese, semplificandola. In particolare, la legge prevede che i governatori delle province debbano rispondere entro quattro mesi a ogni richiesta di costruzione di nuovi luoghi di culto cristiani e che, in caso di rifiuto, debbano motivarlo. Inoltre, le chiese esistenti costruite senza permesso potranno essere sanate con effetto retroattivo.

Come riporta il quotidiano ufficiale al-Ahram, il parlamento ha votato in una “atmosfera di festa”, con i deputati che scandivano slogan come: “Viva la croce e la mezzaluna”. Il presidente del parlamento, Ali Abdel-Al, ha telefonato a Tawadros II, leader della Chiesa copta ortodossa, per congratularsi per l’approvazione delle legge. I cristiani egiziani, in gran parte copti ortodossi, sono circa il 10% dei 90 milioni di abitanti del Paese.

La costruzione di nuove chiese era finora osteggiata dalle autorità locali, che spesso ignoravano la richiesta di permesso, mentre altre volte la respingevano per il timore di reazioni violente da parte della comunità musulmana.

La comunità copta ha tuttavia deplorato che la legge non sia abbastanza chiara su alcuni aspetti quali la superficie della
chiesa, della quale si dice solo che “dovrà essere sufficiente al
numero e ai bisogni della comunità”, senza stabilire dei criteri
precisi e specificare chi dovrà decidere sulla questione.

Secondo i dati ufficiali in Egitto esistono 2.869 chiese.

Avvenire

Leader musulmani ribadiscono l’adesione al Documento sulla Fratellanza

18.07.2019

A quasi sei mesi dalla firma ad Abu Dhabi del Documento sulla Fratellanza Umana, sottoscritto da Papa Francesco e dal Grande Imam di Al-Azhar Ahmad Al-Tayyeb, 22 leader e intellettuali musulmani sunniti, sciiti e sufi hanno firmato un testo di 15 pagine per ribadire il loro sostegno al Documento.

L'estate dei ragazzi haitiani gemellati al Ticino

17.07.2019

La Conferenza Missionaria della Svizzera Italiana (CMSI) sostiene attraverso dei padrinati dal Ticino la la scuola Saint Joseph a L’Asile nella circoscrizione di Anse-à-Veau nel dipartimento di Nippes nell'isola caraibica. In questi giorni i ragazzi del luogo possono usufruire di una colonia estiva dove svolgere diverse attività e soprattutto ricevere un pasto sostanzioso. Nel sito catt alcune informazioni per poter sostenere questo progetto.

Australia: la celebrazione della Domenica degli aborigeni

15.07.2019

"Dal caos delle grandi città alla tranquillità delle comunità più remote, cattolici e indigeni si sono seduti fianco a fianco, in segno di unità”. E’ quanto ha dichiarato all’Agenzia Fides il direttivo del National Aboriginal and Torres Strait Islander Catholic Council (Natcicc), il Consiglio dei cattolici australiani in rappresentanza delle popolazioni native, in merito allo svolgimento della giornata loro dedicata, celebrata in tutta la nazione il 7 luglio scorso.