Internazionale

Assisi: «Io, imam, difendo i cristiani perseguitati»

«Quando i cristiani vengono attaccati vado a portare conforto e cerco di fermare le violenze. Il terrorismo, che uccide cristiani e musulmani, si può fermare se non soltanto i leader religiosi ma anche gli Stati decideranno insieme di combatterlo». Muhammad Abdul Khabir Azad è il grande imam della moschea Badshahi, la moschea «imperiale» di Lahore, in Pakistan, la quinta più grande del mondo. Amico del ministro cattolico pakistano Shahbaz Batti, assassinato dai fondamentalisti, e promotore del dialogo tra le religioni, si è sempre presentato nei luoghi degli attentati per piangere con le vittime e chiedere giustizia. Ma anche per ripetere che chi uccide tradisce «il vero islam». È stato più volte minacciato per questo suo impegno. L’imam è ad Assisi per l’incontro promosso dalla Comunità di Sant’Egidio e questa mattina, nel giorno dell’arrivo del Papa, interviene a una tavola rotonda. Lo abbiamo intervistato.

Nel 2013 è stata attaccata la baraccopoli cristiana Joseph Colony. Che cosa è accaduto e perché lei è andato lì?

«Due amici, un cristiano e un musulmano, si trovavano spesso per bere insieme. È nato un diverbio e il musulmano ha accusato il cristiano di blasfemia. Un gruppo di fanatici musulmani ha attaccato la colonia cristiana. La polizia non riusciva a controllare la folla inferocita: 178 case di cristiani sono state bruciate. Sono arrivato lì tra la folla. Erano felici perché pensavano che li avrei guidati ad attaccare altri luoghi cristiani. Invece ho spiegato che quello che facevano era assolutamente contrario al Corano. Abbiamo pregato, e poi ho chiesto a tutti di tornare a casa».

Perché ha deciso di aiutare i cristiani perseguitati?

«L’ho imparato in casa. Mio padre, che per trent’anni è stato grande imam della moschea Badshahi, ogni volta che c’erano problemi tra cristiani e musulmani cercava di rimediare. Quando avvengono questi attacchi, noi ci vergogniamo e ci sentiamo in colpa».

Perché i terroristi islamici uccidono cristiani ma anche altri musulmani nel nome di Dio?

«Il Papa ha detto parole molto positive: tutte le religioni vogliono la pace, ma in tutte le religioni ci sono persone problematiche. L’islam condanna questi atti: nel Corano c’è un versetto che dice: uccidere un solo uomo è come uccidere tutta l’umanità. Nei miei sermoni ripeto sempre che a un musulmano non è permesso fare il terrorista. Alcune persone interpretano l’islam a modo loro dichiarando infedeli tutti coloro che non sono d’accordo con loro. Per questo uccidono altri musulmani. Nell’attentato avvenuto a Pasqua a Lahore sono morti più musulmani che cristiani. Era una reazione al National Action Plan del governo contro il terrorismo».

In Occidente c’è paura. Per la prima volta in Europa un prete cattolico è stato sgozzato dentro una chiesa…

«Un atto assolutamente da condannare. Dobbiamo chiederci quali sono le cause e come possiamo fermare tutto ciò».

E come risponde lei?

«Purtroppo i social media possono intossicare le menti dei giovani, facendo credere loro che certe azioni sono una via per il paradiso. Noi leader religiosi possiamo fare molto. Ma sarebbe importante che l’Onu, l’Unione Europea e la conferenza dei Paesi islamici lavorassero insieme per sradicare il terrorismo e risolvere ciò che sta accadendo in Siria, Iraq e Libia. Se questi problemi continuano nell’islam, tutta l’umanità ne risentirà. Ma ci terrei a parlare di un’altra situazione…».

Quale?

«La situazione del Kashmir, dove c’è un coprifuoco da novanta giorni, le persone non hanno accesso a beni di sussistenza. La comunità internazionale non sta considerando quello che sta accadendo lì. Avvengono crudeltà. Io vorrei portare alla luce questa situazione. Il terrorismo, ogni forma di terrorismo, che sia a livello di Stato, di persone e di comunità, noi lo condanniamo».

Che cosa pensa della legge pakistana contro la blasfemia?

«Di per sé la legge è giusta perché chiede il rispetto per tutti i profeti, le religioni e i libri sacri. Il problema è la sua applicazione e gli abusi che ci sono stati e che facciamo fatica a fermare».

Quando va dai cristiani perseguitati ha paura?

«Io prego Allah e mi sento protetto. Sono consapevole che qualsiasi cosa mi succeda, è il mio destino. Ho ricevuto tante minacce e quando i responsabili sono stati arrestati, la polizia ha verificato che io ero davvero un obiettivo. Ma si vede che il mio salvatore era più forte dei killer».

 

(Andrea Tornielli / Vatican Insider)

 

20 Settembre 2016 | 08:50
assisi (31), imam (8)
Condividere questo articolo!