Papa

Assemblea Signis: Papa invita operatori mass media a proclamare Vangelo di Pace

19.06.2017, 17:56 / Bianca De Viso

“Continuare a cercare tutti i mezzi tecnologici e sociali per cooperare alla missione universale della Chiesa di proclamare il Vangelo della pace”: questo l’incoraggiamento di Papa Francesco a tutti i professionisti dei mass-media cattolici, riuniti dal 19 al 22 giugno a Québec City, in Canada, in occasione del Congresso mondiale di Signis, l’Associazione cattolica internazionale per la comunicazione.

Rendere la speranza accessibile a chiunque
Nel messaggio inviato a Mons. Dario Edoardo Viganò, prefetto della Segreteria per la Comunicazione, e firmato dal cardinale Segretario di Stato Pietro Parolin, il Pontefice auspica che il Congresso possa ispirare “una speranza, accessibile a chiunque, proprio nel luogo in cui la vita conosce l’amarezza del fallimento”. Infine, il Papa imparte la sua benedizione a tutti i partecipanti all’evento.

Giornalisti, testimoni della speranza
Al Congresso è giunto anche il saluto del Card. Gérald Cyprien Lacroix, arcivescovo di Québec, il quale evidenzia come tale convegno permetta agli operatori dei media di “valorizzare il proprio prezioso contributo nel rendere testimonianza della speranza” dell’uomo. “Voi siete messaggeri validi – scrive il porporato ai giornalisti – dei frutti che produce la Parola di Dio”. Di qui, l’invito a “proseguire, con gioia e speranza, la missione dei mass-media nel mondo”.

Una sessione dedicata alla riforma dei media Vaticani
Incentrato sul tema “I media per una cultura della pace: promuovere storie di speranza”, il Congresso si aprirà con una tavola rotonda in cui quattro rappresentanti di organizzazioni cattoliche spiegheranno come raccontano storie di speranza; saranno poi rappresentanti del mondo audiovisivo a narrare come “trovare Dio in tutte le cose e filmarlo”. Una sessione specifica, nel pomeriggio di lunedì 19 giugno, sarà dedicata ad approfondire anche la riforma della comunicazione in Vaticano.

I giovani, la fede e i social network
Centrale, inoltre, la riflessione sul coinvolgimento religioso e spirituale dei giovani che condividono la propria fede sui social media. In agenda anche l’analisi del legame tra musica e speranza ed il racconto di come non disperare nelle situazioni di crisi. Saranno esposte poi esperienze di collaborazione nel campo dei mass-media per affrontare campagne di sensibilizzazione.

Un premio per il regista Martin Scorsese
Tra i numerosi workshop in programma, quelli dedicati al dialogo interreligioso, all’ambiente, alla ricerca della verità nel contesto delle così dette “fake news”, al ritorno del religioso nel cinema. A tal proposito, i partecipanti al Congresso assisteranno alla proiezione del film “Silence” che narra la storia di tre padri gesuiti perseguitati, a causa della fede, nel Giappone del XVII secolo. La pellicola è diretta dal regista Martin Scorsese che mercoledì 21 giugno verrà insignito del “Premio Signis per l’eccellenza della produzione cinematografica”. (I.P.)

(RadioVaticana)

Il Papa al Sinodo metodista e valdese: camminiamo verso la piena unità

22.08.2017

In occasione dell'annuale Sinodo delle Chiese metodiste e valdesi - che si è aperto ieri a Torre Pellice (To) - Papa Francesco ha inviato una Lettera.

“Dio liberi il mondo dalla disumana violenza del terrorismo”

21.08.2017

All'Angelus di ieri il Papa prega per «defunti, feriti e familiari degli atti terroristici che, in questi ultimi giorni, hanno causato numerose vittime, in Burkina Faso, in Spagna e in Finlandia».

Papa al Meeting di Rimini: scorgere segni del bisogno di Dio

21.08.2017

Sono 118 gli incontri della 38.ma edizione del Meeting per l’amicizia fra i popoli che si svolge da questa domenica al 26 agosto a Rimini sul tema: “Quello che tu erediti dai tuoi padri, riguadagnatelo, per possederlo”.

giovani   Ecumenismo   ticino   misericordia   SantaMarta   preghiera   natale   giubileo   svizzera   guerra   strada regina   aleppo   gmg   chiesa   migranti   africa   pace   udienza   isis   vaticano   madre teresa   egitto   gdp   Francesco   siria   Papa   islam   famiglia   PapaFrancesco   angelus   trump