Papa e Vaticano

Arriva Vativision una sorta di Netflix cattolico

Una piattaforma di riferimento per il video streaming chiamata VatiVision sarà inaugurata nei primi tre mesi del 2020. Il progetto è a cura di Vetrya, gruppo internazionale leader nello sviluppo di servizi digital e piattaforme cloud computing che si occuperà della gestione del «servizio di video distribuzione mondiale in modalità streaming on demand di contenuti religiosi, artistici e culturali ispirati al messaggio cristiano«. Sarà invece Officina della Comunicazione, una società di produzione bergamasca, a occuparsi della maggior parte dei contenuti: negli ultimi anni infatti ha realizzato, in collaborazione con diversi Enti vaticani, produzioni destinate alla diffusione di contenuti artistici culturali e religiosi. Fra questi sono degni di nota alcuni documentari con Alberto Angela per la RAI, sulla storia del Giubileo, sugli archivi segreti vaticani, etc.

Il pubblico potenzialmente raggiungibile è enorme: una platea di un miliardo e 300 milioni persone di fede cattolica.

I contenuti

Il valore aggiunto sarà proporre al pubblico contenuti che ad oggi sono difficilmente reperibili sia sui canali tradizionali che all’interno delle altre piattaforme online. A seguito della sensibilità e della conoscenza che Officina della Comunicazione ha maturato negli anni nel settore della documentaristica di carattere religioso, il servizio potrà contribuire a diffondere ulteriormente il messaggio cristiano con contenuti di grande valore e spessore narrativo.

Nuova modalità di accesso ai contenuti

I contenuti religiosi, dunque, provano ad abbandonare la sequenzialità della televisione lineare come metodo storico di diffusione, e si affidano a un modo più moderno per veicolare l’offerta, quello dello streaming video, che però potrebbe tenere lontane le persone anziane poco affini alle innovazioni tecnologiche. VatiVision conta però sulla particolarità delle sue proposte.

fonte: agenzie/red

23 Ottobre 2019 | 11:16
Condividere questo articolo!

En relation