Ticino

Arriva shortcatt.ch: brevi video che parlano ai giovani con l'immediatezza delle parabole

Parlare ai giovani di vita e valori con il loro linguaggio attraverso dei video che girano nelle piattaforme usate dai ragazzi, tipo youtube ma che sono difficili da trovare e condividere. Nasce da questo shortcatt.ch la nuova pagina web che da oggi è in linea nella rete. Shorcatt.ch propone una selezione di video di qualità che già esistono, dispersi «nell’oceano» della piattaforma youtube e quindi difficili da trovare e condividere. Una selezione che vorrebbe aiutare soprattutto animatori parrocchiali di gruppi del postcresima e educatori a trovare con facilità video di qualità su valori, scelte di vita, testimonianze, scelte di vita cristiana e altro, catalogati per categorie tematiche. La proposta è «fatta in casa» ticinese: Pastorale giovanile della Diocesi di Lugano e Serra Club Lugano insieme a catt.ch hanno elaborato l’idea e coinvolto quattro giovani ticinesi tra i 18 e i 22 anni: William Fiorani, Alessio Cordivani, Samuele Balestra e Davide Martella. Due di loro sono liceali, uno studia alla Commercio e uno frequenta informatica all’USI. «Cerchiamo su youtube dei video che siano accattivanti e facilitino l’interattività, capaci di catturare l’attenzione dei ragazzi e suscitare domande personali e un dialogo a gruppi», ci spiega William Fiorani, uno dei giovani del team. D’altronde bastano le statistiche di accesso a youtube, che è tra i social network più usati dai giovani, a confermare la scelta. 

William Fiorani, Alessio Cordivani e Samuele Balestra tre dei quattro giovani del team shortcatt.ch;
sotto l’homepage del progetto ospitato dalla piattaforma catt.ch.

Brevi video che parlano di valori, storie vere, scelte di vita e altro ancora…

Ma di quali video parliamo? «I video per i giovani – ci spiega don Carlo Vassalli, co-assistente della Pastorale giovanile della Diocesi di Lugano – possono avere due formati. Il primo è quello «flash» che si guarda andando a scuola sul bus, tra una pausa e l’altra, condividendolo con un amico. L’altro è quello di qualità. Un video bello, interessante. Magari anche lungo. I giovani cercano la qualità, non solo la velocità dei messaggi. Ecco allora il tentativo di questo progetto; nell’oceano di video fatti in modo amatoriale, nella quantità di video «taglia-incolla», un modo di avere video di qualità corti e lunghi (ma non troppo) per coinvolgere i giovani con i giovani e non solo».  Video quindi che tra immagini, parole, sottotitoli (oggi indispensabili) suscitino interesse, interazione, dialogo.  »I contenuti principalmente riguardano i valori perché, secondo noi, la religione accoglie moltissimi temi: dalla solitudine, all’uso del denaro, alla sessualità, alla morte e via dicendo. Devono essere video che interessano perché capaci di comunicare emozioni», aggiunge William Fiorani. Il progetto è nato un paio di anni fa da una doppia constatazione: se è vero che in rete, in particolare su youtube, ci sono decine di migliaia di short video (video brevi, massimo 3 minuti) che parlano di valori, di scelte, di vita cristiana e che offrono storie forti e canzoni, purtroppo la ricerca da parte di un animatore di un gruppo giovanile è complessa e richiede molto tempo. A tanta abbondanza non sempre, infatti, corrisponde altrettanta qualità. Così i tre enti promotori hanno pensato di creare una pagina web che faciliti il lavoro di animatori di gruppi giovanili in età del postcresima. Il passo successivo è stato quello di dare la responsabilità della ricerca e selezione ai giovani che sono i più indicati per scegliere formati adatti ai loro coetanei.  Ma qual è la potenzialità di questo progetto? «Questi video fanno presa sui giovani -continua don Carlo- perché trasmettono messaggi di qualità e non solo di quantità o di velocità. Sono video belli, con valori positivi e messaggi che possono e vogliono coinvolgere. Le immagini colpiscono e lasciano il segno. Siamo nell’era della comunicazione visiva ed è fondamentale per la Chiesa essere aggiornata e presente nel mondo digitale e social. Penso che questi video abbiano la potenzialità delle parabole: riescono a toccare i giovani, aprendoli alla possibilità di un cammino successivo». Ma I ragazzi cercano emozioni o qualcosa d’altro? Discutendo con i giovani si ha l’impressione che non si aspettino solo dei messaggi emotivamente forti, degli «spot», ma anche dei contenuti. «Tra ragione e sentimenti – precisa don Carlo- preferisco la «bellezza». Sono messaggi e immagini che vorrebbero scalfire la corazza dell’indifferenza che è un modo di essere dominante a livello sociale. I giovani hanno accesso a serie TV, profili Instagram discutibili, flash di Tik Tok spesso senza nessun contenuto. Eppure restano capaci di sorprendere, di farci battere il cuore di entusiasmo. Cerchiamo allora una via in questo mondo digitale per aprire uno sguardo reale». Il progetto è in continua evoluzione, questo è solo il primo passo.

Come accedere a shorcatt.ch e collaborare al progetto

Ai video si digitando shortcatt.ch e dal canale youtube di catt_ch. Le proposte sono catalogate secondo queste categorie: scelte di vita, testimoni, valori, vita cristiana e canzoni. Le fonti sono molteplici, in lingua italiana e non solo.  I video non in italiano, vengono sottotitolati. I promotori di questa iniziativa si augurano che la raccolta di video – che viene continuamente aggiornata – possa offrire uno strumento utile ad animatori e educatori di gruppi giovanili e ai giovani stessi. Pastorale Giovanile di Lugano e Serra Club Lugano si occupano dei contenuti tematici dei video mentre catt.ch cura gli aspetti tecnici. Il progetto presto si aprirà anche ad altre piattaforme social. Per chi desidera c’è la possibilità di collaborare inviando proposte di video di massimo 3 minuti sui temi valori, vita cristiana, testimonianza, canzoni e scelte di vita corredate da una breve descrizione. La mail a cui inviare le proposte è: shortcattvideo@gmail.com I video verranno valutati e se ritenuti idonei, saranno inseriti su shortcatt.ch.

27 Marzo 2021 | 09:08
Condividere questo articolo!