Chiesa

Alcune vittime chiedono di poter partecipare all'incontro sulla protezione dei minori in Vaticano a febbraio

Dei gruppi che difendono i diritti delle vittime d’abusi sessuali perpetrati da sacerdoti hanno chiesto di poter partecipare all’incontro sulla protezione dei minori, a fine febbraio a Roma, riporta VaticanNews.

Le organizzazioni  «Ending Clergy Abuse (ECA)» e «Survivors Network of those Abused by Priests» (SNAP) hanno infatti inviato una lettera aperta al Papa chiedendo di essere incluse nella fase di discussione. Per questi gruppi, è in gioco la credibilità stessa dell’incontro.

«Quello che vogliano, è che questo incontro possa essere preso sul serio e possa dar vita a delle riforme reali e significative», ha affermato Zach Hiner, direttore esecutivo di SNAP, durante una conferenza stampa.

Dei Vescovi da scartare?

I membri di queste due associazioni hanno ugualmente chiesto che due cardinali americani incaricati di ruoli chiave siano scartati, perché sospettati di aver coperto degli abusi: si tratta di mons. Blase Cupich, arcivescovo di Chicago e di mons. Daniel DiNardo, arcivescovo di Galveston-Houston.

Il 12 settembre 2018, il Consiglio dei Cardinali ha annunciato che Papa Francesco avrebbe convocato tutti i Presidenti delle Conferenze episcopali del mondo per una riunione in Vaticano sulla protezione dei minori, dal 21 al 24 febbraio 2019. Mons. Felix Gmür, vescovo di Basilea e presidente della Conferenza dei Vescovi svizzeri dal 1 gennaio 2019 dovrà rappresentare la Svizzera durante questo incontro.

Cath.ch/red

4 Gennaio 2019 | 06:10
abusi (163), chiesa (511), minori (28), protezione (7), vaticano (122), vittime (20)
Condividere questo articolo!