dal Mondo

Accordo per il cessate il fuoco in Siria

28.12.2016, 10:09 / Bianca De Viso

Russia e Turchia hanno raggiunto un accordo per il cessate il fuoco in Siria. Lo annuncia l’agenzia ufficiale di Ankara Anadolu. L’intesa, viene precisato, verrà ora sottoposta all’approvazione di Damasco e dei gruppi dell’opposizione siriana. Ieri, i ministri degli esteri russo e turco, Serghei Lavrov e Mevlut Cavusoglu, avevano discusso nel corso di una conversazione telefonica la preparazione per l’incontro tra l’opposizione siriana e il governo ad Astana e i termini del cessate il fuoco in Siria.

I capi della diplomazia hanno sottolineato la necessità di concordare al più presto sui “parametri pratici per porre fine alle azioni di combattimento, separare l’opposizione moderata dai gruppi terroristici e preparare l’incontro ad Astana su invito della leadership del Kazakistan per il lancio del soluzione politica in linea con la risoluzione del Consiglio di sicurezza 2254”, recita una nota ufficiale.

Negoziati fra ribelli e regime

Se l’accordo odierno dovesse reggere, sono previsti anche negoziati politici ad Astana fra ribelli siraiani e il regime di Assad. I colloqui avverranno sotto la tutela di Turchia e Russia. L’accordo prevede che la tregua entri in vigore dalla mezzanotte e si applichi in tutto il Paese. Il piano punta a estendere il cessate-il-fuoco instaurato ad Aleppo a tutto il Paese, escludendo comunque “i gruppi terroristici”, precisa l’agenzia.

(GdP.ch)

Forum migrazioni e pace: card. Hummes, attenzione ai popoli dell'Amazzonia

24.02.2017

Tra i temi dibattuti al Forum internazionale su migrazioni e pace, in corso a Roma presso la Camera dei Deputati, c’è stato anche quello della difficile questione dei popoli indigeni dell’Amazzonia, costretti spesso a migrare dalla foresta alle città.

Io e l'imam insieme per la pace in Centrafrica

23.02.2017

Il cardinale Nzapalainga e Omar Layama si uniscono per dire “no” ai conflitti a sfondo etnico-religioso che devastano il paese. E si guadagnano l'appellativo di “gemelli di Dio”

Corno d’Africa: diciassette milioni di persone alla fame

22.02.2017

Gli allarmi si sono moltiplicati dopo la recente dichiarazione ufficiale del governo di Juba dello stato di carestia. Le violenze nel 2016 ha ulteriormente ridotto la produzione alimentare, anche in zone in precedenza stabili. E l’inflazione è galoppante.

giovani   natale   famiglia   cristiani   chiesa   aleppo   SantaMarta   preghiera   udienza   pace   ticino   PapaFrancesco   islam   giubileo   migranti   gmg   Francesco   Ecumenismo   vaticano   fede   siria   madre teresa   svizzera   Papa   vescovo   guerra   isis   angelus   misericordia   gdp   strada regina