dal Mondo

Accordo per il cessate il fuoco in Siria

28.12.2016, 10:09 / Bianca De Viso

Russia e Turchia hanno raggiunto un accordo per il cessate il fuoco in Siria. Lo annuncia l’agenzia ufficiale di Ankara Anadolu. L’intesa, viene precisato, verrà ora sottoposta all’approvazione di Damasco e dei gruppi dell’opposizione siriana. Ieri, i ministri degli esteri russo e turco, Serghei Lavrov e Mevlut Cavusoglu, avevano discusso nel corso di una conversazione telefonica la preparazione per l’incontro tra l’opposizione siriana e il governo ad Astana e i termini del cessate il fuoco in Siria.

I capi della diplomazia hanno sottolineato la necessità di concordare al più presto sui “parametri pratici per porre fine alle azioni di combattimento, separare l’opposizione moderata dai gruppi terroristici e preparare l’incontro ad Astana su invito della leadership del Kazakistan per il lancio del soluzione politica in linea con la risoluzione del Consiglio di sicurezza 2254”, recita una nota ufficiale.

Negoziati fra ribelli e regime

Se l’accordo odierno dovesse reggere, sono previsti anche negoziati politici ad Astana fra ribelli siraiani e il regime di Assad. I colloqui avverranno sotto la tutela di Turchia e Russia. L’accordo prevede che la tregua entri in vigore dalla mezzanotte e si applichi in tutto il Paese. Il piano punta a estendere il cessate-il-fuoco instaurato ad Aleppo a tutto il Paese, escludendo comunque “i gruppi terroristici”, precisa l’agenzia.

(GdP.ch)

Attacco Londra: vescovi inglesi, “le nostre preghiere per tutti coloro che sono stati colpiti”

22.03.2017

Gli abusi subiti da domestiche cristiane asiatiche nella penisola arabica

22.03.2017

Provengono per la maggior parte da India, Filippine e Nepal. Una volta assunte, molti datori di lavoro garantiscono il giorno libero settimanale e permettono loro di andare in chiesa e di far visita agli amici, ma molti altri si comportano da padroni e le trattano come vere e proprie schiave.

Card. Gracias: la Chiesa cattolica in India è al 100% con i cristiani dalit

21.03.2017

L’arcivescovo di Mumbai ha partecipato all’incontro del Consiglio nazionale dei dalit cristiani. In India la maggioranza dei cattolici sono dalit, cioè 12 milioni su un totale di 19. La Chiesa ha stilato nuove politiche per consentire una maggiore integrazione.

vaticano   natale   vescovo   giubileo   ticino   giovani   Francesco   fede   gmg   aleppo   siria   Ecumenismo   strada regina   cristiani   angelus   preghiera   madre teresa   guerra   gdp   Papa   isis   famiglia   islam   chiesa   misericordia   migranti   PapaFrancesco   udienza   svizzera   SantaMarta   pace