dal Mondo

Accordo per il cessate il fuoco in Siria

28.12.2016, 10:09 / Bianca De Viso

Russia e Turchia hanno raggiunto un accordo per il cessate il fuoco in Siria. Lo annuncia l’agenzia ufficiale di Ankara Anadolu. L’intesa, viene precisato, verrà ora sottoposta all’approvazione di Damasco e dei gruppi dell’opposizione siriana. Ieri, i ministri degli esteri russo e turco, Serghei Lavrov e Mevlut Cavusoglu, avevano discusso nel corso di una conversazione telefonica la preparazione per l’incontro tra l’opposizione siriana e il governo ad Astana e i termini del cessate il fuoco in Siria.

I capi della diplomazia hanno sottolineato la necessità di concordare al più presto sui “parametri pratici per porre fine alle azioni di combattimento, separare l’opposizione moderata dai gruppi terroristici e preparare l’incontro ad Astana su invito della leadership del Kazakistan per il lancio del soluzione politica in linea con la risoluzione del Consiglio di sicurezza 2254”, recita una nota ufficiale.

Negoziati fra ribelli e regime

Se l’accordo odierno dovesse reggere, sono previsti anche negoziati politici ad Astana fra ribelli siraiani e il regime di Assad. I colloqui avverranno sotto la tutela di Turchia e Russia. L’accordo prevede che la tregua entri in vigore dalla mezzanotte e si applichi in tutto il Paese. Il piano punta a estendere il cessate-il-fuoco instaurato ad Aleppo a tutto il Paese, escludendo comunque “i gruppi terroristici”, precisa l’agenzia.

(GdP.ch)

Bangkok, Caritas Thailandia difende i diritti dei lavoratori migranti

22.01.2018

Il Paese è uno dei maggiori centri migratori di tutto il sud-est asiatico. I migranti economici sono 4-5 milioni, cui si aggiungono circa un milione di illegali. Dal 1 gennaio in vigore la nuova legge sui lavoratori non registrati. Da giugno è in corso un esodo di lavoratori birmani, cambogiani e laotiani.

India, Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani “per la conversione dei cuori”

22.01.2018

Più di 1500 fedeli di diverse denominazioni cristiane riunite nella preghiera comune. “Nel nome di Gesù siamo chiamati a superare tutte le sfide della divisione”. “L’unità della famiglia cristiana è la chiave per l’unità nella famiglia umana e la pace nel mondo”.

Vescovi Ecuador: bene referendum contro corruzione, pedofilia e degrado ambientale

22.01.2018

I vescovi dell'Ecuador invitano ad andare a votare al referendum del 4 febbraio contro la rielezione dei politici corrotti, la prescrizione del reato di pedofilia e lo sfruttamento indiscriminato delle risorse naturali.