dal Mondo

Accordo per il cessate il fuoco in Siria

28.12.2016, 10:09 / Bianca De Viso

Russia e Turchia hanno raggiunto un accordo per il cessate il fuoco in Siria. Lo annuncia l’agenzia ufficiale di Ankara Anadolu. L’intesa, viene precisato, verrà ora sottoposta all’approvazione di Damasco e dei gruppi dell’opposizione siriana. Ieri, i ministri degli esteri russo e turco, Serghei Lavrov e Mevlut Cavusoglu, avevano discusso nel corso di una conversazione telefonica la preparazione per l’incontro tra l’opposizione siriana e il governo ad Astana e i termini del cessate il fuoco in Siria.

I capi della diplomazia hanno sottolineato la necessità di concordare al più presto sui “parametri pratici per porre fine alle azioni di combattimento, separare l’opposizione moderata dai gruppi terroristici e preparare l’incontro ad Astana su invito della leadership del Kazakistan per il lancio del soluzione politica in linea con la risoluzione del Consiglio di sicurezza 2254”, recita una nota ufficiale.

Negoziati fra ribelli e regime

Se l’accordo odierno dovesse reggere, sono previsti anche negoziati politici ad Astana fra ribelli siraiani e il regime di Assad. I colloqui avverranno sotto la tutela di Turchia e Russia. L’accordo prevede che la tregua entri in vigore dalla mezzanotte e si applichi in tutto il Paese. Il piano punta a estendere il cessate-il-fuoco instaurato ad Aleppo a tutto il Paese, escludendo comunque “i gruppi terroristici”, precisa l’agenzia.

(GdP.ch)

Migranti: primo via libera alla modifica del regolamento di Dublino

20.10.2017

Dal Parlamento europeo a Bruxelles è arrivato il primo via libera alla modifica del regolamento di Dublino, meccanismo europeo che obbliga il migrante a fare richiesta di asilo nel primo Paese di approdo.

Siria. Save the Children: a Raqqa emergenza umanitaria

20.10.2017

Le Nazioni Unite sono pronte a entrare nella città siriana di Raqqa in Siria da dove l'Is è stato espulso.

Liberata Marawi, dopo cinque mesi di scontri

19.10.2017

L'occupazione islamista, durata 148 giorni. Uccise più di 1.000 persone, in gran parte ribelli. Le operazioni a Marawi sono costate 5 miliardi di pesos (95 milioni di euro circa). I timori per le infiltrazioni terroristiche nell’isola di Mindanao.

angelus   giovani   preghiera   siria   diocesi   migranti   strada regina   PapaFrancesco   pace   SantaMarta   misericordia   isis   guerra   egitto   Francesco   Papa   svizzera   chiesa   islam   cristiani   gmg   Ecumenismo   vescovi   famiglia   aleppo   missione   vaticano   colombia   udienza   gdp   africa