dal Mondo

Accordo per il cessate il fuoco in Siria

28.12.2016, 10:09 / Bianca De Viso

Russia e Turchia hanno raggiunto un accordo per il cessate il fuoco in Siria. Lo annuncia l’agenzia ufficiale di Ankara Anadolu. L’intesa, viene precisato, verrà ora sottoposta all’approvazione di Damasco e dei gruppi dell’opposizione siriana. Ieri, i ministri degli esteri russo e turco, Serghei Lavrov e Mevlut Cavusoglu, avevano discusso nel corso di una conversazione telefonica la preparazione per l’incontro tra l’opposizione siriana e il governo ad Astana e i termini del cessate il fuoco in Siria.

I capi della diplomazia hanno sottolineato la necessità di concordare al più presto sui “parametri pratici per porre fine alle azioni di combattimento, separare l’opposizione moderata dai gruppi terroristici e preparare l’incontro ad Astana su invito della leadership del Kazakistan per il lancio del soluzione politica in linea con la risoluzione del Consiglio di sicurezza 2254”, recita una nota ufficiale.

Negoziati fra ribelli e regime

Se l’accordo odierno dovesse reggere, sono previsti anche negoziati politici ad Astana fra ribelli siraiani e il regime di Assad. I colloqui avverranno sotto la tutela di Turchia e Russia. L’accordo prevede che la tregua entri in vigore dalla mezzanotte e si applichi in tutto il Paese. Il piano punta a estendere il cessate-il-fuoco instaurato ad Aleppo a tutto il Paese, escludendo comunque “i gruppi terroristici”, precisa l’agenzia.

(GdP.ch)

Sierra Leone, i giovani mutilati e l’amicizia tra le religioni

23.04.2018

Storie di convivenza tra cristiani e musulmani. Viaggio nel Paese africano dove le vittime della guerra stanno ricominciando a vivere grazie ai giuseppini del Murialdo e ai loro collaboratori.

Asia Bibi, udienza imminente.

21.04.2018

La vicenda della cristiana condannata a morte in Pakistan è nelle mani del magistrato più alto in grado. La settimana prossima l’annuncio della data.

Alfie, Corte suprema dice no ai genitori. Rete di preghiera per sbriciolare i muri

20.04.2018

Un altro no per i genitori di Alfie Evans, il bimbo inglese cui vogliono staccare il ventilatore che lo tiene in vita. Ora il nuovo ricorso alla Corte di Strasburgo. Il Papa chiede di fare l'impossibile per portare il piccolo al Bambino Gesù.