Svizzera

A Pierre Pistoletti, di cath.ch, lo Swiss Press Award 2019

Quando il portale cattolico cath.ch indaga sugli abusi sessuali nella Chiesa, emerge un esame di coscienza che non dimentica le vittime o la gravità dei fatti e le loro conseguenze psicologiche, afferma la Fondazione.
Dal 1950, 218 casi di abusi sessuali sono stati segnalati nella Chiesa cattolica in Svizzera. E questa è solo una piccola parte della realtà. Per troppo tempo i vescovi hanno cercato di risolvere i casi internamente, più preoccupati di preservare l’istituzione dello scandalo piuttosto che di ascoltare la sofferenza delle vittime.

Dare voce alle vittime di abusi sessuali
«Realizzare questa inchiesta è stata un’esperienza giornalistica molto forte», ha detto Pierre Pistoletti alla consegna del premio al Bellevue Palace di Berna. «Il mio primo obiettivo era quello di dare voce alle vittime. Ho beneficiato della fiducia che hanno riposto in me, e anche di quella dei responsabili religiosi, dei vescovi e degli esperti. Sono rimasto colpito dalla capacità di recupero delle vittime che, nonostante le loro terribili ferite, hanno potuto denunciare gli autori di questi crimini e ricostruirsi «.
Per Pierre Pistoletti, è anche importante per un media dipendente da sovvenzioni ecclesiastiche come cath.ch di avere questa visione critica dell’istituzione.

Riconoscimento di peso per cath.ch
Un’opinione condivisa da Bernard Litzler, direttore di Cath-Info che ha partecipato alla cerimonia. «Questo premio riconosce la qualità del nostro lavoro giornalistico. Rafforza inoltre lo strada verso il multimediale presa dai tre centri media cattolici in Svizzera. Oggi, grazie in particolare all’impulso di Pierre Pistoletti, i giornalisti di cath.ch sono quasi tutti in grado di realizzare dei dossier multimediali. Il successo crescente del nostro sito web e la nostra presenza sui social network testimoniano questo».

Un premio di 20’000 franchi
Ogni anno, la Fondazione Reinhard von Graffenried assegna premi nazionali per produzioni giornalistiche eccezionali nelle varie categorie: stampa, stampa online, radio, video e stampa locale. Il 24 aprile 2019, a Berna, sono stati consegnati i premi con 20’000 franchi ciascuno.

Mediamatico, teologo e giornalista
Pierre Pistoletti è nato e cresciuto a Monthey, nello Chablais Vallese. Sposato, vive oggi a Chexbres. Dopo un apprendistato (CFC) di mediamatico a Sion, ha conseguito un master in teologia presso l’Università di Friburgo nel 2014.
Il teologo ha iniziato la sua carriera nel giornalismo nel 2014, come apprendista presso cath.ch e formandosi come giornalista multimediale presso il Centro di formazione giornalistica e media (CFJM) di Losanna. Usa nel suo lavoro il testo e l’immagine (foto e il video). Ha introdotto questi nuovi strumenti di giornalismo web nella redazione di cath.ch.
Pierre Pistoletti è redattore capo di cath.ch dall’agosto 2018. Sotto la sua guida, cath.ch ha sviluppato, parallelamente all’offerta d’attualità di un’agenzia stampa, contenuti che consentono di vedere, capire e analizzare cosa c’è dietro i fatti.

(fonte: cath.ch)

Pierre Pistoletti, caporedattore di cath.ch. © Bernard Hallet
25 Aprile 2019 | 06:00
Condividere questo articolo!