Al Azhar
dal Mondo
Al Azhar

A due anni dal viaggio del Papa in Egitto i frutti del dialogo

06.12.2018, 18:31 / redazionecatt

Due anni fa il viaggio di Papa Francesco al Cairo e l’incontro con il Grand Imam di al-Azhar Ahmad Muhammad al-Tayyib. Da allora, gli abbracci e le udienze si sono moltiplicati ma sul campo ci sono loro, i domenicani dell’Ideo, a tessere ogni giorno il delicato filo del dialogo e dei rapporti con al-Azhar, la più grande università musulmana al mondo.

Le cifre sterminate del sapere diffuso da Al Azhar

300mila studenti, 17mila stranieri, oltre 70 facoltà (per donne e uomini, separate), 6 facoltà teologiche al Cairo, una ventina in tutto l’Egitto. Sono i numeri dell’Università al-Azhar. Una struttura sterminata e complessa, abitata da salafisti, fratelli musulmani, sufi e liberali (non praticanti). Nelle sue scuole primarie e secondarie sparse in tutto il Paese, al-Azhar può contare su un bacino di 2 milioni di studenti e 10mila istituti. Non sono madras, né scuole coraniche ma luoghi di studio dove l’insegnamento è religioso, classico e soprattutto gratuito. È qui, in questo mondo sconfinato, che nell’aprile del 2017 Papa Francesco ha bussato alla porta. Da allora le relazioni tra la Santa Sede e al-Azhar sono riprese dopo anni di gelo e chiusura. Sono seguiti incontri anche a Roma tra il Papa e il Grand Imam Ahmad Muhammad al-Tayyib. E a tessere le fila di questo delicatissimo dialogo, al Cairo, sono i frati domenicani con l’Istituto domenicano di studi orientali (Ideo). Il cuore pulsante del centro è una biblioteca immensa, moderna e curata. Un vero e proprio gioiello di cultura e storia, araba e musulmana, dove sono custoditi 150mila volumi e 1.800 titoli di riviste specialistiche. A dirigerlo è fr. Jean Druel. L’agenzia sir è andata a trovarlo.

Continua a leggere il dialogo tra il Papa e Al Azhar

 

 

Mons. Li Side, testimone eroico della Chiesa in Cina

24.06.2019

Per ben tre volte il prete sarà arrestato dalle autorità del suo Paese dopo la presa di potere di Mao Zedong e la creazione dell'Associazione patriottica dei cattolici cinesi nel 1957, alla quale ha sempre rifiutato di appartenere.

Arcidiocesi di Lione: mons. Dubost nominato amministratore apostolico

24.06.2019

Il cardinale Barbarin, che ha deciso di ritirarsi per un periodo di tempo in attesa della sentenza definitiva del processo a suo carico, è chiamato ora a collaborare al pieno espletamento del mandato dell’amministratore apostolico. In Francia mons. Dubost è anche responsabile nazionale in Francia delle Opere pontificie. missionarie

Venenzuela: i Vescovi manifestano la loro preoccupazione all'Onu

24.06.2019

Nell’occasione dell’incontro tra i vescovi e la Bachelet, la delegazione ha consegnato un’articolata lettera firmata dalla presidenza della Cev, nella quale la Chiesa ribadisce la sua denuncia e la sua posizione rispetto alla grave crisi umanitaria, economica, politica e sociale nella quale si dibatte il Paese. Crisi umanitaria denunciata, si legge nella lettera, “fin dal 2004”.