I soci del Serra Club di Lugano durante la festa di mercoledì 15 maggio.
Diocesi, vocazioni
I soci del Serra Club di Lugano durante la festa di mercoledì 15 maggio.

1989-2019: Serra Club, 30 anni di presenza a Lugano

16.05.2019, 11:00 / guggiarisilvia

Mercoledì 15 maggio, il vescovo di Lugano, mons. Valerio Lazzeri, ha celebrato una Santa Messa di ringraziamento per i 30 anni del Serra Club di Lugano, seguita da una cena alla quale hanno partecipato tutti i soci e i loro simpatizzanti. Luogo dell’evento la Casa di Santa Brigitta, tradizionale sede degli incontri in questi lunghi anni di attività. Ospiti della serata anche mons. Claudio Mottini, Rettore del Seminario San Carlo; don Rolando Leo, responsabile della Pastorale Giovanile e don Emanuele Di Marco, Vicario della Cattedrale e Direttore dell’Oratorio di Lugano.
Come ci racconta Emanuele Costa, uno dei membri storici del Movimento, il Serra Club, voluto e fondato nel 1989 dal Vescovo Eugenio Corecco e composto esclusivamente da cristiani laici, “svolge da 30 anni un incessante lavoro di servizio volto a favorire e sostenere le vocazioni, nel senso di chiamata di ogni essere umano a dare un senso alla propria vita, una vita rivolta al servizio degli altri e non solo a se stesso. Tante sono le vocazioni, e tra queste anche la chiamata alla vita sacerdotale e consacrata”.
Ed è proprio alla vocazione sacerdotale, ma non solo, che da anni il Serra Club dedica forze ed attenzioni particolari: “negli anni – continua Costa – ci siamo dedicati a promuovere il rispetto della figura del sacerdote e di tutti i religiosi nella società civile, e a rivolgere una particolare attenzione ai giovani per accompagnare il loro percorso di maturazione umana e spirituale”. Non a caso alle celebrazioni di questo importante anniversario è stato invitato un giovane in rappresentanza della Pastorale Giovanile della Diocesi, al quale è stata consegnata una offerta a favore delle loro attività.
Tra le diverse iniziative del Serra di Lugano, in questi ultimi due anni guidato dal presidente Guido Baumann, “è bello ricordare l’amicizia con i seminaristi dei due Seminari di Lugano; l’assistenza a sacerdoti anziani; la vicinanza con i numerosi sacerdoti stranieri presenti a Lugano per frequentare la Facoltà di Teologia spesso bisognosi di un aiuto ad inserirsi in una realtà sociale ben diversa dalla loro; l’attenzione a sostenere i chierichetti e ministranti della Diocesi; i momenti di preghiera per le vocazioni nella Chiesa di San Giuseppe, utili anche per aprire le porte del Seminario alla città”.

La storia del Serra Club Internazionale
Il Movimento Serra ebbe inizio il 27 febbraio 1935 per volere di quattro imprenditori e professionisti cattolici americani, i quali, resisi conto della necessità di contribuire a promuovere e sostenere nuove vocazioni al sacerdozio, fondarono il primo Club a Seattle.
Il movimento serrano, nel giro di pochi anni, si estese ad altre città americane ed iniziò ad espandersi nel mondo assumendo una struttura internazionale che portò all’istituzione del “SERRA NTERNATIONAL”, oggi presente in 35 Paesi dei 5 continenti con 700 Club e con circa 20.000 soci.
Il primo Club italiano fu fondato a Genova per desiderio del Cardinal Giuseppe Siri nel 1959; il secondo Club fu aperto a Roma nel 1966. I Club operanti in Italia, nei quali rientra la sezione luganese, sono 56 distribuiti in 9 Distretti e contano un totale di circa 1200 soci.

Una foto storica dei soci con il Vescovo Corecco.

Perché si chiama Serra?
Il movimento porta il nome del frate francescano Junipero Serra, considerato uno dei personaggi più eminenti nella storia degli USA e “Padre fondatore della Patria”. Spagnolo di nascita, uomo di grande cultura e forza morale, nella seconda metà del ‘700 svolse una intensissima opera missionaria in Messico ed in California. La maggior parte delle città californiane, tra le quali San Francisco, Los Angeles e San Diego, sorsero attorno alle numerose Missioni da lui fondate e da queste presero il nome. Morì nel 1784; beatificato da Papa Giovanni Paolo II nel settembre 1988, è stato canonizzato nel settembre 2015 in occasione del viaggio di Papa Francesco negli USA.

Due suore brigidine

Le Brigidine di Lugano in festa con il vescovo per Santa Brigida

23.07.2019

Oggi la Chiesa ricorda Santa Brigida di Svezia (1302-1373), proclamata nel 1999 compatrona d'Europa da san Giovanni Paolo II. Santa Brigida scrisse un'opera mistica intitolata "Revelationes”. Nonostante avesse fondato un ordine, rimase sempre una laica. Mons. Lazzeri, questa sera alle 17,30, nella casa delle religiose brigidine a Lugano, celebrerà una Santa Messa nel giorno dedicato dalla Chiesa alla memoria della Santa.

La Messa al Gottardo

Santa Messa del 1. agosto sul San Gottardo: esauriti gli ultimi biglietti speciali per salire in treno

22.07.2019

In queste ore sono stati assegnati gli ultimi posti. Il Vescovo Valerio si unirà ai viaggiatori dalla stazione di Lugano. Le ragioni che hanno portato a questa scelta sono quelle di incentivare una mobilità più sostenibile e di dare l’opportunità di arrivare sul Passo senza dover pensare a dove lasciare l’auto dato che i posteggi sono limitati. Ma soprattutto è un modo per rendere, insieme al vescovo, questo appuntamento un vero e proprio pellegrinaggio.

Il santuario di Santa Maria dei Miracoli a Morbio Inferiore

Morbio Inferiore: Gli appuntamenti per la festa di Santa Maria dei Miracoli

20.07.2019

Iniziata la novena per la festa di Santa Maria dei Miracoli che culminerà con le celebrazioni di lunedì 29 luglio.