I Santi del Sinodo dell'Amazzonia: il missionario protettore degli indigeni

Padre Ezechiele Ramin, giovane missionario comboniano ucciso in Amazzonia, al confine tra gli stati di Rondonia e Mato Grosso, il 24 luglio 1985, è stato un “martire della carità” per San Giovanni Paolo II, che così lo ha definito pochi giorni dopo la morte, ad opera di una squadra armata al soldo dei latifondisti. Il 25 marzo 2017 si è chiusa a Padova, città natale di padre Ramin e dove ora riposano le sue spoglie, la fase diocesana della causa di beatificazione.

News