Blog

Papa Francesco e la Madonna


Papa Francesco, sulla scia dei suoi predecessori: Papa Benedetto e Giovanni Paolo II, ha una spiccata devozione mariana. Il giorno dopo essere stato eletto Vicario di Roma, si è recato alla Basilica di Santa Maria Maggiore per deporre davanti all’immagine della Madonna venerata come Salus populi romani, una composizione di fiori. Lo stesso gesto il Santo Padre lo ripete ogni volta che deve intraprendere un viaggio importante. Siamo nel mese di maggio, dedicato alla Madonna. Per onorare la Madre di Dio, il rosario è la preghiera mariana per eccellenza, oltre che il magnificat; il cantico di Maria. Del rosario Francesco ha scritto: “Accompagna sempre la mia vita. È anche la preghiera dei semplici e dei Santi. È la preghiera del mio cuore” ed esorta le famiglie a pregare insieme per rendere più salda la vita familiare. Già in un paio di occasioni ha fatto distribuire in piazza San Pietro un rosario per tutti, scherzando come fosse una medicina per l’anima: la “Misericordina”. Fu in particolare la nonna Rosa ad avviare il futuro Papa alla devozione mariana, devozione che egli ha sempre coltivato. In Germania ha scoperto la Madonna che scioglie i nodi e l’ha fatta conoscere per ravvivarne la venerazione. Per il Papa, Maria è la madre di tutti i cristiani i quali non possono fare a meno di lei. Ascoltando chi dice di non aver bisogno della Madonna, ha commentato: “Poveri orfani…”. In un’omelia ha pure detto: “Per fare il test di una vocazione cristiana giusta bisogna domandarsi: come va il mio rapporto con le due madri che ho: la Chiesa e Maria? Questo non è un pensiero di pietà. No: è teologia pura”. Ha inoltre affermato: “Se vuoi sapere chi è Maria vai dal teologo, ma se vuoi sapere come si ama Maria, vai dal popolo di Dio che te lo insegnerà meglio”. In un suo tweet il Vescovo di Roma scrive:“La Madonna ci è sempre vicina, soprattutto quando si fa sentire il peso della vita con tutti i suoi problemi”.
Da piccola sono stata battezzata davanti all’altare della Madonna che si trova nella nostra chiesa di Rancate. Sono poi entrata in convento l’8 dicembre, per l’Immacolata. Poniamo le nostre orme su quelle di Maria e arriveremo sicuri alla meta: Cristo nostra vita!
Suor Sandra Künzli

Suor Sandra Künzli

È una monaca contemplativa nel Monastero agostiniano di S. Caterina in Locarno.

E’ entrata in monastero nel 1987, a vent’anni. Insieme alla sua piccola comunità cerca di vivere l’ideale espresso nella Regola di S. Agostino, di avere “un cuor solo e un’anima sola protesi verso Dio”.

 

autore