Manuela Masone

Mi hai fatto come un prodigio: sulla fantasia e la creatività

In un tempo in cui sempre maggiormente la realtà è impregnata dalla tecnologia con i suoi criteri logico-matematici, dedicare spazio alla fantasia potrebbe sembrare anacronistico. Tuttavia vedremo come lo sviluppo di questa caratteristica umana influisca anche su ingegno e creatività, requisiti necessari a ogni tipo di innovazione.

Nel bambino, anche se si sviluppa già in precedenza, vediamo una fioritura dell’utilizzo della fantasia nel gioco verso i 3 – 4 anni. L’invenzione di storie, l’immedesimarsi in altri personaggi anche attraverso il travestimento, l’animazione di pupazzi e oggetti per dare vita a mondi immaginari, sono caratteristiche dell’infanzia. Questa dimensione presuppone, come già descritto in un articolo precedente dedicato alla finzione, la capacità di distinguere tra realtà e immaginario e di cogliere i diversi livelli di verità. Con la crescita la fantasia e la capacità di immaginazione andranno a toccare via via altri ambiti, oltre a quello del gioco.

Risulta impossibile parlare di questa tematica senza pensare, nel centenario della sua morte, a Gianni Rodari e la sua «Grammatica della fantasia». Questo libricino, scaturito da alcuni incontri con insegnanti delle scuole dell’infanzia, elementari e medie, vuole introdurre all’arte di inventare storie: 

«Non diversamente una parola, gettata nella mente a caso, produce onde di superficie e di profondità, provoca una serie infinita di reazioni a catena, coinvolgendo nella sua caduta suoni e immagini, analogie e ricordi, significati e sogni, in un movimento che interessa l’esperienza e la memoria, la fantasia e l’inconscio e che è complicato dal fatto che la stessa mente non assiste passiva alla rappresentazione, ma vi interviene continuamente, per accettare e respingere, collegare e censurare, costruire e distruggere»1

Questo passaggio illustra bene come nel processo fantastico-creativo l’apporto avvenga da più parti: dall’esperienza sensibile della realtà che implica una fisicità, dalla memoria e dai ricordi, dall’immaginazione, dall’inconscio e dalle scelte maturate nella mente. Si tratta di un processo che coinvolge l’essere umano nella sua integralità.

continua a leggere nel blog NonSoloFede

10 Dicembre 2020 | 13:35
fantasia (1), infanzia (11)
Condividere questo articolo!