Suor Sandra Künzli

La fatica del cammino

Un giovane monaco si recò da abba Teodoro e gli confidò che faticava a vivere in solitudine. L’anziano gli consigliò allora di unirsi ad altri fratelli. Poco dopo, il giovane tornò e si lamentò ancora che non trovava pace nemmeno a vivere con gli altri fratelli. Abba Teodoro gli chiese: «Da quanti anni porti l’abito?» «Da otto», rispose il giovane. Il Padre gli disse: «Io sono monaco da ottant’anni e provo ancora fatica e tu, dopo otto anni pretendi di trovare pace?» Il giovane, alla risposta dell’anziano, se ne andò edificato. (cfr. Detti editi e inediti dei padri del deserto, comunità di Bose).

In realtà tutti sentiamo la fatica del cammino che spesso è in salita, ma S. Agostino ci dona una parola «chiave» per sentire di meno il peso del nostro andare: l’amore!

Scrive, infatti, in un suo libro: «Quando si ama, non si fatica, o, se si fatica questa stessa fatica è amata».

Nel commento alla prima lettera di Giovanni, il vescovo di Ippona afferma: «Sia in te la radice dell’amore, poiché da questa radice non può procedere se non il bene» e in un suo discorso così sottolinea: «Animato dalla carità, ti sarà facile tutto ciò che prima era assai faticoso; sorretto da essa, ti sarà leggero tutto ciò che giudicavi pesante».

Il Signore potrebbe portarci in un attimo alla perfezione ma preferisce che facciamo piccoli passi; che cadiamo e ci rialziamo. L’importante è che gli siamo fedeli. Spesso ci lamentiamo di quello che non va e non ci accorgiamo di quanti doni il Signore ci elargisce. Facciamo il proposito di lamentarci il meno possibile; renderemo la vita più gradevole a noi stessi e agli altri!

Suor Sandra Künzli

1 Luglio 2021 | 16:32
amore (33), cammino (9), fatica (1)
Condividere questo articolo!