--
Blog
--

Due cani e il tempio dei mille specchi


di Daria Lepori
Questo racconto indiano che ho imparato da uno dei nostri partner di progetto non ha bisogno di commento e vuole essere un contributo a riconsiderare il nostro atteggiamento nei confronti della vita.

Due cani si misero in viaggio alla volta del tempio dai mille specchi.
Uno di loro affrontò il tragitto d’un fiato, senza perdere un minuto di tempo. Arrivò al tempio trafelato e stravolto. Salì di corsa anche gli ultimi gradini e quando si trovò in mezzo alla sala dei mille specchi vide intorno a sé mille cani. Ringhiò mostrando i denti e si spaventò. Mille cani gli stavano ringhiando contro in modo ostile. Il cane fuggì dal tempio con la coda tra le gambe pensando: «Il mondo è pieno di cani cattivi.»

Il secondo cane arrivò due settimane dopo. Se l’era presa con calma e aveva fatto un mucchio di belle esperienze lungo il percorso. Anche lui salì di corsa i gradini del tempio, tanta era la sua emozione per essere finalmente arrivato. Guardò nei mille specchi e vide mille cani. Sollevò le orecchie, rilassò le mandibole e iniziò a scodinzolare con gioia. Mille cani gli risposero festosi scodinzolando. Lasciò il tempio con una convinzione ben salda nella sua testa: «Il mondo è pieno di cani simpatici”.»

Daria Lepori

Nata a Lugano si considera però, con un bisnonno emigrato in Francia e l’altro arrivato dalla Germania, più una cittadina del mondo che una “ticinese doc”. L’ingiusta ripartizione delle risorse sul nostro pianeta le fa passare notti insonni. Ma da quando lavora per Sacrificio Quaresimale, ossia dal 2006, almeno fa qualcosa di tangibile per promuovere una maggiore giustizia.

autore