Daria Lepori

La Burkina Faso in Ticino

di Daria Lepori

In questo ultimo mese ho passato molte sere con le comunità parrocchiali di diverse località della Svizzera italiana. Le ho incontrate per presentare loro il tema di questa Quaresima. Ho portato loro la testimonianza di persone che in Burkina Faso hanno perso la casa, i campi coltivabili, i pascoli. Donne, uomini, anziani e giovani che ora sono più poveri, meno nutriti e molto scoraggiati. Tutto ciò per via dell’apertura di miniere d’oro.
Confrontarsi con realtà come questa è difficile, anche quando ci si trova a molti chilometri di distanza. Il senso di giustizia che anima le persone si attiva: Non è giusto! E un altro senso, quello d’impotenza, interviene: Problemi troppo grandi, come faccio io a fare qualche cosa?
Con il sacrificio fisico, che confluisce nella busta viola consegnata la Domenica delle Palme in migliaia di parrocchie di tutta la Svizzera, chi si è lasciato coinvolgere dai destini delle persone delocalizzate in Burkina Faso, ha vissuto anche un sacrificio immateriale. Quello di portare su di sé le difficoltà di altre persone e di vivere dentro il conflitto generato dai nostri limiti.
Ma è proprio questo sacrificio immateriale che trasforma il gesto di carità. L’»elemosina», che si esaurisce nel suono che fa l’obolo cadendo nella bussola, diventa «solidarietà». Solidarietà è portare su di sé il peso della sofferenza degli altri. Tra una settimana ne avremo ancora la dimostrazione.

17 Marzo 2016 | 13:05
Condividere questo articolo!