https://www.flickr.com/photoslivenature
Blog
https://www.flickr.com/photoslivenature

Contemplare il volto di Dio


Alcuni anni fa, un Padre agostiniano ci ha tenuto un corso di esercizi spirituali molto interessante sul volto di Dio.

Questa espressione ricorre spesse volte nella Bibbia e soprattutto nei salmi.
Contemplare il volto di Dio significa stare alla sua presenza come figli davanti al loro Padre. E’ vero, Dio non possiamo vederlo su questa terra perché resteremmo accecati dallo splendore della sua gloria, ma possiamo sentire la sua brezza leggera come Elia la percepì sul monte Oreb (Cfr. 1 Re cap. 19).

Nell’incarnazione di Gesù, il Verbo fatto uomo, possiamo ammirare la bellezza del volto di Dio.
Il salmo 11 (10) termina con questa espressione: “Giusto è il Signore, ama le cose giuste: gli uomini retti vedranno il suo volto”.
Il salmo 16 (15) così recita: “Mi indicherai il sentiero della vita, gioia piena nella tua presenza, dolcezza senza fine alla tua destra”. Il salmo 17 (16), conclude dicendo: “Ma io per la giustizia contemplerò il tuo volto, al risveglio mi sazierò della tua presenza”.

Sono solo pochi pensieri che ci mostrano la ricchezza e l’importanza di questa espressione che ricorre frequentemente nella Bibbia (appare in 163 versetti). Non dimentichiamo che “gloria di Dio è l’uomo vivente”; ogni volto rispecchia l’immagine di Dio.
Il Signore ci conceda di poter sentire maggiormente la sua presenza accanto a noi, fino a quando lo contempleremo a faccia a faccia nell’eternità! “Egli sarà il porto dove termineranno le nostre fatiche: vedremo Dio e loderemo Dio”. (S. Agostino)

Suor Sandra Künzli

È una monaca contemplativa nel Monastero agostiniano di S. Caterina in Locarno.

E’ entrata in monastero nel 1987, a vent’anni. Insieme alla sua piccola comunità cerca di vivere l’ideale espresso nella Regola di S. Agostino, di avere “un cuor solo e un’anima sola protesi verso Dio”.

 

autore