https://www.flickr.com/photos/epsos/
Blog
https://www.flickr.com/photos/epsos/

Cara banca ti scrivo…


 

Cara banca ti scrivo… per chiederti cosa fai con i miei soldi. Parafrasando una famosa canzone di Lucio Dalla, ecco un’iniziativa che ciascuno di noi può fare sua, per contribuire a sanare le ingiustizie e rendere il mondo migliore.

Vi siete mai chiesti come le banche o le casse pensioni investono i vostri risparmi? Lo avreste mai detto che talvolta questo denaro serve pure a finanziare attività che violano i diritti umani e che deturpano l’ambiente? I risultati presentati da uno studio dell’organizzazione olandese Profundo, commissionato da Pane per tutti e Sacrificio Quaresimale (qui è possibile trovarlo in inglese: https://sehen-und-handeln.ch/content/uploads/2016/01/profundo-studie-FInancial-links-Swiss-FIs-palm-oil-Brot-für-alle_DEF.pdf), sono a dir poco inquietanti. In sostanza dietro alle piantagioni di palme da olio che stanno proliferando in Indonesia, ma anche in altri paesi, vi sono anche banche svizzere. Il commercio di olio di palma prospera. Solo nella provincia del Kalimantan (Borneo indonesiano), decine di migliaia di chilometri quadrati di foresta tropicale sono stati distrutti, per far spazio a nuove gigantesche piantagioni di palme da olio. A pagarne il prezzo sono però le popolazioni locali, private delle loro fonti di sussistenza. Per non parlare poi della scomparsa di biodiversità e del degrado ambientale.

Chiedere alla propria banca o cassa pensione come investe il denaro affidatole, e se ad esempio applica criteri ecologici e sociali, è un modo semplice ed efficace per incoraggiare queste ultime ad assumere un atteggiamento più responsabile. Esiste anche un modello di lettera che potete scaricare da internet, completare con i vostri dati e spedire. Lo trovate qui: www.vedere-e-agire.ch/lettera

Io ho deciso di chiedere di persona al mio consulente di previdenza se l’istituto in questione applica criteri di sostenibilità. L’ho mandato in crisi. Mi ha promesso che si informava e mi avrebbe dato una risposta. Attendo e non demordo.

Federica Mauri

Sono nata nel 1975 a Locarno. Dopo la laurea in scienze della comunicazione a Lugano, ho lavorato come corrispondente parlamentare a Berna per il Giornale del popolo, prima di diventare responsabile comunicazione e PR per Sacrificio Quaresimale.

Madre di due splendidi bimbi, cerco di ritagliarmi un po’ di tempo per le mie passioni: la lettura, lo sport e la musica.

Amo viaggiare, anche solo con la fantasia, e conoscere persone, culture e luoghi nuovi per nutrire la mia insaziabile curiosità per il mondo che mi circonda e che non smette mai (nel bene e nel male) di stupirmi.

autore